Fondato a Racalmuto nel 1980

“Aspettando il Mandorlo”

Al Teatro Pirandello l’evento che ripercorre la storia della “Sagra” attraverso le testimonianze di quanti, nel tempo, ne sono stati protagonisti

Mandorlo in fiore. Foto di Angelo Pitrone

“Aspettando il Mandorlo” è uno degli eventi speciali in attesa dell’inizio della 76° edizione della Festa del Mandorlo in Fiore in programma ad Agrigento dal 9 al 17 marzo.

Il 24 febbraio al Teatro Pirandello sarà ripercorsa la storia della “Sagra” con quanti nel tempo ne sono stati protagonisti.

Un percorso ricco di ricordi ed emozioni con Pippo Calandrino, Nino Lauretta, Mario Gaziano, Peppe Sciortino, i fratelli Casesa, Nenè Sciortino, il coro “Magnificat”, diretto da Alessandro Patti, Giovanni Lo Brutto ed Eduardo Cicala, Ugo Adamo.

Nel corso della serata saranno ricordati Enzo Lauretta, Gian Campione, Giuggiù Gallo, Gigi Finestrella, Pippo Agozzino, Dario Danile, Pippo Flora, Gigi Casesa.

Ad illustrare il programma e le novità del 76° edizione saranno l’assessore Carmelo Cantone, coordinatore dell’evento, Giovanni Di Maida e Riccardo Cacicia. Previsti i saluti del sindaco Francesco Miccichè e dell’assessore alla cultura e al turismo Costantino Ciulla

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming e, successivamente, diffuso su tutti i canali social. La serata è ad ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti.

 

 

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Conosce i segreti dei libri e degli scrittori di ogni tempo

Conversazione con Salvatore Ferlita, docente universitario, saggista e critico letterario. Il 17 aprile alla libreria Feltrinelli di Palermo la presentazione del suo nuovo libro Pirandello di sbieco, edito da Sellerio

“Tra Terra e Acqua: Antiquarium del Mare”

Agrigento, a Casa Sanfilippo la presentazione del volume in memoria di Daniele Valenti

“Cucina in giallo”

Al Museo "Pietro Griffo" di Agrigento Gaetano Savatteri presenta la nuova Antologia di Gialli edita da Sellerio

Gianfranco, l’eremita che amava costruire giocattoli

Una vita travagliata quella di Gianfranco Messana: l'abbandono della madre a Milano, l'infanzia difficile a Racalmuto e poi pellegrinaggi in Grecia e in Spagna. L'unica sua passione: costruire giocattoli. A Mori, vicino Rovereto, dove visse negli ultimi anni, il suo ricordo ancora vivo.