Fondato a Racalmuto nel 1980

“Una poesia per Agrigento”

Premiati i tre vincitori del concorso della TUA per San Valentino. L’iniziativa promossa dall’azienda di trasporto urbano per celebrare Agrigento Capitale della Cultura 2025. Le tre poesie vincitrici sono state scelte da Giovanni Salvo, responsabile del settore poesia della Strada degli Scrittori  

I tre vincitori con Giovanni Salvo, responsabile del settore poesia della Strada degli Scrittori

 Le poesie “Tu Giurgenti” di Salvatore Argento, “Natu ni sta città” di Domenico Sicilia e “Agrigento… sole, mare e poesia” di Maddalena Collura son le vincitrici del concorso “Una poesia per Agrigento”, ideato dalla TUA, l’azienda di trasporto urbano, per celebrare “Agrigento Capitale della Cultura 2025” in occasione della festa di San Valentino.

All’iniziativa hanno partecipato oltre 60 autori. Le tre poesie vincitrici sono state scelte da Giovanni Salvo, responsabile del settore poesia della Strada degli Scrittori..

I tre vincitori hanno ricevuto in premio l’abbonamento mensile a servizio urbano TUA, per ogni mese, fino al 31 dicembre 2024, e una cena per due persone, nel giorno di San Valentino, al ristorante “Il porticciolo”. La cerimonia di premiazione si è svolta nell’autoparco di viale Emporium.

Come previsto dal bando, le tre poesie sono state pubblicate sul sito della TUA e sui canali social dell’azienda.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Conosce i segreti dei libri e degli scrittori di ogni tempo

Conversazione con Salvatore Ferlita, docente universitario, saggista e critico letterario. Il 17 aprile alla libreria Feltrinelli di Palermo la presentazione del suo nuovo libro Pirandello di sbieco, edito da Sellerio

“Tra Terra e Acqua: Antiquarium del Mare”

Agrigento, a Casa Sanfilippo la presentazione del volume in memoria di Daniele Valenti

“Cucina in giallo”

Al Museo "Pietro Griffo" di Agrigento Gaetano Savatteri presenta la nuova Antologia di Gialli edita da Sellerio

Gianfranco, l’eremita che amava costruire giocattoli

Una vita travagliata quella di Gianfranco Messana: l'abbandono della madre a Milano, l'infanzia difficile a Racalmuto e poi pellegrinaggi in Grecia e in Spagna. L'unica sua passione: costruire giocattoli. A Mori, vicino Rovereto, dove visse negli ultimi anni, il suo ricordo ancora vivo.