Fondato a Racalmuto nel 1980

Sciacca, al via la valorizzazione dei Giardini Storici

Il progetto sarà avviato a febbraio in collaborazione con l’Università di Palermo e L’Istituto “Amato Vetrano”

Sciacca, Villetta San Domenico. Foto di Raimondo Moncada

Saranno avviate a febbraio le attività previste nei patti di collaborazione stipulati dal Comune di Sciacca con l’Università di Palermo e l’istituto agrario “Amato Vetrano” finalizzati allo studio e alla valorizzazione dei Giardini Storici di Sciacca. È quanto comunicano gli assessori Agnese Sinagra e Francesco Dimino che hanno promosso l’iniziativa.

“Diversi gli obiettivi – spiegano i due amministratori – tra cui quello di avviare progetti focalizzati sui Giardini Storici di Sciacca, come la villa comunale “Ignazio Scaturro”, la villetta “Lombardo” e la villetta “San Domenico”. Progetti che mirano a studiare e conoscere nel dettaglio la specificità del patrimonio vegetale di questi giardini storici e di grande pregio, fondamentali per produrre e avere una documentazione scientifica con la quale poter avviare altri progetti di manutenzione, di recupero, di valorizzazione. Previsto il censimento del patrimonio vegetale, ritenuto un’attività rilevante e innovativa per lo studio delle nostre storiche aree verdi”.

Il percorso, dal titolo “Biologia vegetale per la tutela e valorizzazione del verde urbano” di cui è referente il professore Giuseppe Bazan dell’Università di Palermo, vedrà una fase di formazione presso il Dipartimento universitario STEBICEF (plesso di Botanica) e una attività laboratoriale di analisi della componente floristica in campo alla Villa Comunale di Sciacca. Gli studenti dell’istituto “Calogero Amato Vetrano”, supportati dai docenti Maria Venezia, Benedetto Liotta e Leonardo Montalbano, realizzeranno il censimento e la mappatura delle specie vegetali presenti in villa con etichette e pannelli guida da installare nel giardino.

“Un progetto importante – sottolineano gli assessori Agnese Sinagra e Francesco Dimino – di attenzione e di conoscenza che parte dalla formazione e dal coinvolgimento dei più giovani per costruire conoscenze scientifiche e materiali per la valorizzazione del nostro patrimonio arboreo”.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Quando agli Esami di Stato arrivava l’ora X

Rinunciavi magari a svuotare la vescica per dare più tempo a pescare senza occhi vigilanti i temi che pensavi potessero servire. Ed in quel momento la magia si faceva concretezza

Storie che provengono dal Mediterraneo

La Giornata Mondiale del Rifugiato a Palma di Montechiaro

“La voglia e il desiderio di sognare”

Concorso Letterario Nazionale "Raccontami, o musa". “Fabbricanti di sogni" il tema dell'ottava edizione. Il Bando

Racalmuto festeggia San Calogero

Domenica 23 giugno un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco