Fondato a Racalmuto nel 1980

“Il sogno di Peppino Impastato in una terra libera dalle mafie”

Agrigento. E’ dedicato alla memoria del giornalista e militante politico di Cinisi, ucciso dalla mafia nel 1978, l’incontro  con le scuole in programma il prossimo 18 dicembre al Teatro Pirandello di Agrigento.

Teatro Pirandello, foto di Angelo Pitrone

“Il sogno di Peppino Impastato in una terra libera dalle mafie”. E’ dedicata alla memoria del giornalista e militante politico di Cinisi, ucciso dalla mafia nel 1978, l’iniziativa in programma il prossimo 18 dicembre, alle 9,30, al Teatro Pirandello di Agrigento.

Un matinée per le scuole, un incontro per far conoscere ai più giovani la figura di Peppino Impastato.

L’iniziativa prevede la proiezione di alcune scene del film “I Cento Passi” di Marco Tullio Giordana e un incontro-dibattito, condotto da Riccardo Gaz, con l’attore Tony Sperandeo, protagonista del film.

“Gli studenti avranno l’opportunità – sottolineano i promotori dell’iniziativa – di vivere un momento di crescita e sensibilizzazione ripercorrendo la vita, le azioni che smuovono le coscienze, le speranze di cambiamento che Peppino Impastato portò avanti con straordinario coraggio”.

“Educare alla Legalità è sicuramente un obiettivo prioritario che la nostra scuola – dice il dirigente scolastico del liceo Martin Luther King di Favara, Mirella Vella – promuove ancor di più attraverso iniziative come questa, che permettono di conoscere uomini come Peppino Impastato, emblema della lotta alla mafia in Sicilia”.

“Diffondere il concetto di legalità – sottolinea il dirigente scolastico del liceo classico Empedocle di Agrigento, Marika Helga Gatto – per noi significa esserci e partecipare alla costruzione di un futuro migliore con l’unica arma di cui disponiamo: l’istruzione. Attraverso le discipline del curricolo e l’interazione con il territorio, proponiamo una lettura e riflessione critica della realtà per innescare processi di cambiamento con la partecipazione autentica dei nostri studenti principali, protagonisti del processo di insegnamento e apprendimento“.

“La terza C dell’istituto comprensivo Francesco Giorgio di Licata – dice il dirigente scolastico Rosaria De Caro – ha subito aderito all’iniziativa che s’inquadra perfettamente nell’ambito delle proprie attività formative che riguardano la tematica della lotta contro la mafia, alla quale sono stati dedicati approfondimenti ed ampi dibattiti volti ad innescare nei ragazzi spunti di riflessione ed una consapevolezza di questa piaga sociale che ormai da troppo tempo opprime la società siciliana e non solo. L’evento al teatro Pirandello è il perfetto atto conclusivo di questo apprezzatissimo percorso”.

L’iniziativa è organizzata  dall’associazione di promozione sociale Geniality in collaborazione con AICS. La regia dei video è curata da Andrea Cassaro, le pubbliche relazioni da Arianna Vassallo.

Le scuole partecipanti:

Liceo Martin Luther King di Favara diretto da Mirella Vella

Liceo classico Empedocle di Agrigento diretto da Marika Helga Gatto

Istituto comprensivo Anna Frank di Agrigento diretto da Alfio Russo

Istituto comprensivo Rita Levi Montalcini di Agrigento diretto da Luigi Costanza

IISS Archimede di Cammarata diretto da Giuseppina Gugliotta

Istituto comprensivo Rosario Livatino di Porto Empedocle diretto da Claudio Argento

Istituto comprensivo Francesco Giorgio di Licata diretto da Rosaria De Caro

Tutti gli altri istituti della provincia di Agrigento che hanno interesse a partecipare all’evento, possono contattare la referente Arianna Vassallo al 338 1911129.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Tacito Silenzio”

Alla Prefettura di Agrigento la presentazione del libro di Armando Caltagirone

Lamanna a Gibellina. Il nuovo episodio di Màkari

Nell'episodio in onda domenica 25 febbraio, il trio di Saverio Lamanna, Peppe Piccionello e Suleima vanno a Gibellina. E devono indagare su un caso tra passato e presente

Agrigento festeggia San Gerlando

Una festa che coinvolge tutta la diocesi e la città

“Solo una donna”

Il racconto della domenica