Fondato a Racalmuto nel 1980

Un emozionante omaggio alla lingua siciliana

Ieri a Crotte la cerimonia di consegna del Premio “Racalmare – Leonardo Sciascia” a Nino De Vita. Le foto

La consegna del premio a Nino De Vita (Foto MT)

Ieri a Grotte la cerimonia di consegna del Premio “Racalmare – Leonardo Sciascia“, alla carriera, al poeta e scrittore Nino De Vita.

Una edizione quella di quest’anno che, premiando De Vita, ha voluto anche essere un prezioso e importante omaggio alla lingua siciliana.

E quanto si è colto, da subito, nella conversazione tra De Vita, Gaetano Savatteri e Tiziana Crisafulli, nell’intervento di saluto del Prefetto di Agrigento Filippo Romano, del sindaco di Grotte Alfonso Provvidenza e negli apprezzatissimi momenti musicali di Mario Incudine. E, inoltre, negli interventi di Felice Cavallaro, direttore della Strada degli Scrittori, di Accursia Vitello e Salvatore Bellavia, componenti della giuria del premio, e dell’Assessore alla Cultura del Comune di Grotte Anna Todaro.

“Non sarebbe poeta se non fosse di Cutusio, la contrada tra Marsala e Trapani distesa in una delle zone più suggestive di Sicilia”, ha detto Gaetano Savatteri di Nino De Vita, e durante la cerimonia di consegna De Vita ha raccontato come è nata la sua passione per il dialetto della sua terra, ha anche raccontato il suo primo incontro con Leonardo Sciascia e la lunga amicizia che lo ha legato allo scrittore di Racalmuto.

“Questo è un premio che si fa a Grotte ed è una cosa molto diversa” ebbe a dire Leonardo Sciascia, notoriamente restio a partecipare alle giurie dei premi letterari, nella prima edizione del “Racalmare”, nel 1982, nella quale il premio fu assegnato a Matteo Collura“.

Ed è con queste parole, affidate alla voce di Ignazio Enrico Marchese, che si è aperta ieri la cerimonia di consegna, preceduta l’1 dicembre da un “Omaggio a Vincenzo Consolo”, a cura di Giuseppe Airò, e il 2 dicembre da un “Omaggio a Leonardo Sciascia”, primo presidente del Premio Racalmare, a cura di Salvatore Bellavia. 

Nino De Vita, accompagnato dalla moglie Giovanna, anche stamattina, prima di rientrare a Marsala, ha espresso commozione per questo ritorno al “Racalmare”, che lui ha frequentato negli anni in cui erano presenti, oltre a Sciascia, anche Vincenzo Consolo e Gesualdo Bufalino.

Guarda le foto

(Foto MT)

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Tacito Silenzio”

Alla Prefettura di Agrigento la presentazione del libro di Armando Caltagirone

Lamanna a Gibellina. Il nuovo episodio di Màkari

Nell'episodio in onda domenica 25 febbraio, il trio di Saverio Lamanna, Peppe Piccionello e Suleima vanno a Gibellina. E devono indagare su un caso tra passato e presente

Agrigento festeggia San Gerlando

Una festa che coinvolge tutta la diocesi e la città

“Solo una donna”

Il racconto della domenica