Fondato a Racalmuto nel 1980

Frida Kahlo. Una vita per immagini

LA MOSTRA Cento scatti raccontano la figura di Frida Kahlo che cristallizza valori universalmente riconosciuti, sempre attuali, al di là della storia e delle ideologie, quale il valore dell’identità connessa alla terra, nella sua dimensione spirituale e corporale. L’esposizione alla Galleria d’Arte Moderna di Palermo dal 21 ottobre

Nelle sale della Galleria d’Arte Moderna di Palermo pronta la mostra Frida Kahlo. Una vita per immagini che apre al pubblico sabato 21 ottobre. La mostra, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo, è organizzata da “Civita Sicilia” con la collaborazione di Rjma Progetti culturali e Diffusione Italia International.

“Mi fa molto piacere che sia questa importante mostra a segnare l’esordio del mio incarico come Dirigente Ufficio Musei e Spazi Espositivi del Comune di Palermo e Direttrice della Galleria d’Arte Moderna Empedocle Restivo – afferma Maria Francesca Martinez Tagliavia – La riflessione al contempo estetica e politica di Frida Kahlo anticipa le successive evoluzioni delle teorie cinematografiche e della storia dell’arte femministe, quali si sarebbero sviluppate a partire dagli anni Settanta del Novecento, tra Gran Bretagna e Stati Uniti, con Gloria Orenstein, Laura Mulvey o Griselda Pollock.

Maria Francesca Martinez Tagliavia

La figura di Frida Kahlo cristallizza valori universalmente riconosciuti, sempre attuali, al di là della storia e delle ideologie, quale il valore dell’identità connessa alla terra, nella sua dimensione spirituale e corporale”.  L’esposizione ripercorre la vicenda biografica di Frida grazie alla straordinaria opportunità di compiere il viaggio con l’obiettivo di grandi fotografi, con alcuni dei quali Frida ha avuto anche una relazione sentimentale. Il rapporto con la fotografia è comunque centrale nella sua vita, nato già nell’infanzia, a fianco del padre, un affermato fotografo professionista. Con questa mostra, gli aspetti più crudi delle sue sofferenze ci sono in qualche modo risparmiati a favore di immagini che la ritraggono come lei probabilmente voleva essere: una donna elegante, emancipata, circondata da affetti e da persone gioiose.

Di sangue misto, tedesco e messicano, Frida cresce nel mito di un Messico rivoluzionario, introiettando tutti i caratteri di una personalità̀ libera e indomita, che trova nella pittura un linguaggio appassionato, viscerale, dai forti contenuti impietosamente autobiografici, con cui si racconta senza ipocrisie. Tutta la sua opera è una forma di autoanalisi, alla ricerca di una propria identità̀ e di una ragione di vita. Nei suoi numerosi autoritratti non teme di mettere a nudo le proprie debolezze e le proprie inquietudini.  Accanto a Frida è spesso ritratto Diego Rivera, il pittore e muralista con cui ha condiviso un rapporto intenso e turbolento, che ha attraversato gran parte della sua vita. Ma vi appaiono anche altri personaggi come Leon Trotsky e André Breton.

“Frida Kahlo è ormai una sorta di leggenda che ha travalicato la storia dell’arte per entrare nel mito – afferma Vincenzo Sanfo, curatore della mostra – un mito che si alimenta di un’aura misteriosa e terrifica nelle sue vicende umana, che sono, in fondo, la parte più importante di un percorso che attraversa è vero anche l’arte, ma che non ne costituisce l’aspetto principale. Quello che interessa maggiormente sono le sue esperienze di vita, i suoi amori, le sue passioni, la sua fierezza di donna indomita, che combatte in egual misura le sue malattie, le sue infermità i suoi amori. Una donna che lotta per affermare la sua identità e la sua autonomia, sia umana che intellettuale. E se lei nei dipinti racconta le fasi più crude della sua vicenda terrena, è però nelle numerose fotografie che il suo volto ci parla, ci attrae, raccontandoci dei suoi umori, delle sue passioni, della sua eleganza e della sua visione della vita”.

Attraverso un centinaio di scatti, per la maggior parte originali, la mostra ricostruisce le vicende della vita controcorrente della grande artista messicana, alla ricerca delle motivazioni che l’hanno trasformata in un’icona femminile e pop a livello internazionale. Le foto sono state realizzate dal padre Guillermo durante l’infanzia e la giovinezza della figlia e poi da alcuni dei più̀ grandi fotografi della sua epoca: Leo Matiz, Imogen Cunninghan, Edward Weston, Lucienne Bloch, Bernard Silbertein, Manuel e Lola Alvarez Bravo, Nickolas Muray e altri ancora. In questo straordinario “album fotografico” si rincorrono le vicende spesso dolorose ma sempre appassionate di una vita, oltre agli amori, alle amicizie e alle avventure di Frida. Arricchisce l’esposizione un gruppo di piccole fotografie molto intime di Frida, scattate dal gallerista Julien Levy.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri