Fondato a Racalmuto nel 1980

L’area archeologica di Villa Romana aperta anche in autunno

L’apertura ai visitatori viene prolungata dall’1 ottobre al 30 novembre. Il direttore del Parco Roberto Sciarratta: “È un sito di straordinaria unicità e di impareggiabile bellezza naturalistica, paesaggistica e monumentale, che continua ad attrarre visitatori”

Punta Grande. Villa Romana (Foto di Angelo Pitrone”

“L’area archeologica di Villa Romana a Punta Grande sarà fruibile anche in autunno. L’apertura ai visitatori viene prolungata dall’1 ottobre al 30 novembre”.

“Il Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi – spiega il Direttore Roberto Sciarratta – è lieto di ampliare l’ offerta culturale con il prolungamento delle visite a Villa Romana fino al mese di novembre. È un sito di straordinaria unicità e di impareggiabile bellezza naturalistica, paesaggistica e monumentale, che continua ad attrarre visitatori”.

Roberto Sciarratta, direttore Parco Archeologico Valle dei Templi

“La villa -aggiunge il direttore del Parco – da un monogramma rinvenuto è stata attribuita a Publius Annius, imprenditore dello zolfo, importante esponente di una gens presente ad Agrigento nei primi secoli dell’impero. Fu scoperta casualmente nel dicembre del 1907, durante i lavori di costruzione della linea ferroviaria che collegava Porto Empedocle a Siculiana. Giunse immediatamente Antonio Salinas e gli scavi archeologici avviati nel 1908 misero in luce i pavimenti in opus tessellatum a decorazione geometrica e in opus sectile. Nel tablinum, la sala di rappresentanza del dominus, ci sono ancora i resti di imponenti mosaici, così come nelle camere da letto con il cubiculum, e soprattutto nel triclinium (la sala da pranzo). La villa doveva essere immensa, altri ambienti degradano verso il mare, protetti da un terrazzamento. Ma la grande particolarità della Villa Romana sta nelle sue terme, meravigliosamente decorate: un impianto diviso in due nuclei (per uomini e per donne) con al centro una grande cisterna che garantiva il necessario rifornimento idrico a entrambi i bagni. I mosaici, due complessi diversi attorno alle figure di Nettuno e di Scilla,  furono realizzati in periodi e con maestranze diverse”.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri