Fondato a Racalmuto nel 1980

ASP Agrigento, in servizio i primi sei medici italo-argentini

Si tratta di un cardiologo, due medici di medicina generale e di famiglia, e una pneumologa

L’equipe di medici con il Commissario Mario Zappia e il dirigente amministrativo delle Risorse Umane Giuseppe Schifano

L’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento comunica l’immissione in servizio dei primi sei medici italo-argentini. Si tratta di un cardiologo, Guido Alfredo D’Amico, due pediatri, Agustina Zavaleta e Sandra Veronica Cagnasia, due medici di medicina generale e di famiglia, Marcello Zabal e Matias Vidal, e una pneumologa, Cecilia Campos

Ieri alla Cittadella della Salute, i medici sono stati ricevuti dal Commissario straordinario ASP, Mario Zappia, per la formale sottoscrizione dei contratti.

“E’ il primo contingente di medici stranieri che assumiamo – spiega il Commissario Zappia – grazie alla pubblicazione di un avviso aperto attraverso il quale contiamo di reclutare circa un centinaio di professionisti. Forse quella odierna è una data storica che segna una svolta significativa nel superare il problema di reperire nuovi medici e ciò nonostante gli innumerevoli bandi di concorso pubblicati, spesso purtroppo andati deserti per mancanza di sanitari, l’indizione di ‘avvisi aperti’ ai quali si può aderire ogni giorno, senza scadenza, il ricorso ai medici specializzandi, il ‘richiamo’ dei medici in quiescenza, l’attivazione di convenzioni/protocolli d’intesa e la ricerca di condivisione di graduatorie con altre aziende. Ringrazio la fattiva collaborazione di molti sindaci della provincia che si sono e si stanno prodigando per facilitare i processi anche per l’acquisizione anagrafica delle residenze e la ricerca di abitazioni idonee ad ospitare il personale medico”.

“I nuovi sanitari non sono medici alle prime armi – precisa l’Asp – ma professionisti affermati, di età compresa fra i 38 e i 50 anni, in grado di incrementare la qualità delle prestazioni erogate. Comprendono la lingua italiana ed hanno espresso un vivo desiderio di intraprendere questa nuova avventura non soltanto per ambizione professionale ma soprattutto per ritrovare le proprie origini italiane, nella terra dei loro avi, dove vogliono vivere e far crescere i loro figli. Le valutazioni sulle competenze mediche e linguistiche fra i professionisti che hanno presentato la manifestazione d’interesse ad assumere l’incarico oggetto dell’avviso aperto sono state compiute da uno specifico gruppo di coordinamento. Solo dopo le risultanze della commissione il disco verde per l’immissione in servizio e l’individuazione della sede di lavoro”.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Storie che provengono dal Mediterraneo

La Giornata Mondiale del Rifugiato a Palma di Montechiaro

“La Sicilia di Rosa”

Il 23 giugno il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri

Quando agli Esami di Stato arrivava l’ora X

Rinunciavi magari a svuotare la vescica per dare più tempo a pescare senza occhi vigilanti i temi che pensavi potessero servire. Ed in quel momento la magia si faceva concretezza

“La voglia e il desiderio di sognare”

Concorso Letterario Nazionale "Raccontami, o musa". “Fabbricanti di sogni" il tema dell'ottava edizione. Il Bando