Fondato a Racalmuto nel 1980

Perché Lampedusa?

Le mappe del Mediterraneo dicono che l’approdo a Lampedusa dei migranti non è il più indicato essendo il più lontano rispetto ai luoghi della partenza

Agostino Spataro

A ben guardare le mappe del Mediterraneo, è facile accorgersi che l’approdo a Lampedusa non è il più indicato essendo il più lontano rispetto ai luoghi della partenza, in gran parte, concentrati nel sud-est della Tunisia.

Il 9 aprile 2011 fu pubblicato da “La Repubblica” un mio articolo dal titolo “Perché i migranti sbarcano (quasi) tutti a Lampedusa?” Sono trascorsi 12 anni e all’interrogativo non è stata data una risposta appropriata. Nel frattempo, la situazione si è aggravata: i flussi sono divenuti più incessanti e copiosi, nel 2023 si potrebbe giungere a 100.000 immigrati quasi tutti sbarcati a Lampedusa. Perciò lo ripropongo, sperando che qualcuno dia una risposta convincente. Eccolo.

___________________

A ben guardare le mappe del Mediterraneo, è facile accorgersi che l’approdo a Lampedusa non è il più indicato essendo il più lontano rispetto ai luoghi della partenza, in gran parte, concentrati nel sud-est della Tunisia.

Queste mappe ci dicono che per coprire la distanza fra Sfax e Lampedusa un barcone deve navigare, in condizioni spesso proibitive (quanti morti su tale rotta!), per circa 300 km, mentre i migranti per arrivare a Porto Empedocle devono sottoporsi a una traversata di altri 256 km. In totale: Sfax – Porto Empedocle sono 556 km di mare.

Se, invece, il barcone o il barchino partisse da Kelibia (Tunisia centrale) impiegherebbe 75 km fino a Pantelleria e 116 km da Pantelleria a Marsala. Totale del percorso 191 km di mare.

Insomma, l’opzione per Lampedusa comporta per l’immigrato un surplus di sofferenza, un di più di percorso equivalente a 385 km di mare.  Per altro c’è da notare che le due isole italiane sono più vicine alla Tunisia che all’Italia; infatti insistono oltre la linea divisoria della piattaforma continentale, concordata nel 1971 e  ratificata nel 1981, fra i due Paesi.

Ed ecco che la domanda ritorna: perché Lampedusa? Perché questa opzione rivelatasi illogica, pericolosa quanto inspiegabile?

Personalmente non so darmi una risposta logica, convincente. Tranne che non esistano intese tacite fra trafficanti e “autorità invisibili” mirate a orientare il traffico di esseri umani su Lampedusa, per evitare Pantelleria che è sede di una importante realtà militare italiana e della Nato. Sarà questa la risposta all’interrogativo o c’è dell’altro?

Come  più volte proposto per mettere fine ai viaggi pericolosi e ai traffici immorali di esseri umani, auspico la stipula di seri accordi intergovernativi, bilaterali e multilaterali, sull’immigrazione in base ai quali i migranti, non più clandestini ma regolari, potrebbero giungere in Italia in poche ore, in aereo, con grande risparmio di vite umane e di denaro, evitando la terribile esperienza del viaggio nei deserti, il concentramento in luoghi inospitali, le sevizie dei guardiani e la pericolosa traversata del Mediterraneo. Per  essere accolti nel migliore dei modi, secondo il principio di “uguali diritti, uguali doveri” che dovrebbe valere per tutti i lavoratori del mondo.

_________________

Agostino Spataro già membro delle Commissioni Affari Esteri e Difesa della Camera dei Deputati.

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Il piacere di scrivere – il sogno di pubblicare”

Agrigento, a "Le Fabbriche" seminario di scrittura creativa condotto da Roberto Alajmo

“Rahal Città del Sale e della Musica”

Racalmuto, dal 3 al 6 giugno al Teatro Regina Margherita la decima edizione del Concorso Nazionale per le Scuole Medie ad Indirizzo Musicale

“Come gestire le emergenze ostetriche”

E' il tema del convegno in programma ad Agrigento il 21 maggio

“Una Marina di Libri”, dal 6 al 9 giugno il Festival dell’Editoria Indipendente

Il 24 maggio al Parco Villa Filippina di Palermo la conferenza stampa di presentazione dell'edizione 2024. "Oltre i Confini" il tema di quest'anno