Fondato a Racalmuto nel 1980

Ammodernamento tratta ferroviaria Gela-Agrigento

Angelo Cambiano: “E’ il momento di intervenire per risolvere un problema ormai ricorrente da diversi…Per percorrere 74 km da Gela ad Agrigento – che nel 2025 sarà Capitale della cultura – si impiegano in treno ben 6 ore e 26 minuti”.

Angelo Cambiano

“Per percorrere 74 km da Gela ad Agrigento – che nel 2025 sarà Capitale della cultura – si impiegano in treno ben 6 ore e 26 minuti”

Così in una nota il deputato all’Ars Angelo Cambiano che annuncia di avere presentato una interrogazione sull’ammodernamento della tratta ferroviaria che oltre a Gela ed Agrigento comprende anche Favara, Palma di Montechiaro e Licata. 

“Ho mostrato – spiega Cambiano – all’Assessore Aricò l’idea progettuale realizzata da RFI nell’ambito di un’attività che ho seguito durante la mia esperienza al Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, caduta da mesi nel dimenticatoio. Qualche anno fa era già stato approntato uno studio progettuale, che però non ha poi portato al progetto di fattibilità tecnico-economica. Adesso è il momento di intervenire per risolvere un problema ormai ricorrente da diversi anni. Non si può pensare al ponte sullo stretto, se parallelamente non sono presenti sul territorio questo tipo di infrastrutture, alla base per un progressivo sviluppo economico, commerciale e turistico della zona in questione”.

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Ecco come è nato il mio Libro”

Ad Ucria la presentazione del libro L’eretico don Paolo Miraglia di Carmelo Sciascia. L' intervento dell’Autore

“Mafia di Casa nostra”

Rassegna letteraria "Sùrfaro", le foto dell'incontro con gli scrittori Carmelo Sardo e Gaetano Savatter

“La mia Racalmuto come Pamplona”

Un'intervista a Leonardo Sciascia realizzata da Giuseppe Troisi e pubblicata dal "Giornale di Sicilia" il 6 luglio 1986.

Premio Karkison 2024, si preannuncia una edizione “di alto livello”

Carmelo Cantone, organizzatore del Premio: "Non è semplice il lavoro della Giuria, ma siamo convinti che il pubblico apprezzerà e condividerà le decisioni”