Fondato a Racalmuto nel 1980

“La gioia di un paese per la festa di San Calogero”

Le immagini della prima festa di San Calogero a Racalmuto. Le foto di Luigi Falletti

A pochi giorni dall’inizio dei solenni festeggiamenti della Madonna del Monte – seconda settimana di luglio – grande presenza domenica 25 giugno alla prima edizione della festa dedicata al “Santo nero” che a Racalmuto si venera da secoli nella chiesa di San Francesco.

Un tripudio di gente attorno al Simulacro del Santo, ai gruppi “Giocolieri di stendardi” di Delia, ai “Tammurinara Maria SS. del Monte” di Racalmuto, guidati da Lorenzo Gagliardo, al gruppo “Tataratà” di Casteltermini e alla banda cittadina “G. Verdi” diretta dal M. Francesco Carrara.

La giornata di San Calogero è stata fortemente voluta da un Comitato, costituitosi da poco, presieduto da Lillo Rizzo e sostenuta dall’arciprete Don Carmelo La Magra che così ha commentato sui social: “In questa giornata intensa il volto sereno della sacra immagine di San Calogero è passato per le nostre strade, ha incrociato tanti sguardi e ha portato la consolazione di Cristo di cui Calogero è riflesso. L’entusiasmo con cui tutta la comunità ha risposto è segno del desiderio di gioia che si concretizza nelle feste ma anche segno del legame antico e profondo che i credenti hanno con il Santo Eremita Calogero che, ancora una volta continua, nel nome di Gesù, a guarire, liberare e consolare“.

La festa è stata patrocinata dal Comune di Racalmuto e sostenuta da tanti sponsor e dalle offerte dei fedeli.

LE FOTO di Luigi Falletti

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Come gestire le emergenze ostetriche”

E' il tema del convegno in programma ad Agrigento il 21 maggio

“Una Marina di Libri”, dal 6 al 9 giugno il Festival dell’Editoria Indipendente

Il 24 maggio al Parco Villa Filippina di Palermo la conferenza stampa di presentazione dell'edizione 2024. "Oltre i Confini" il tema di quest'anno

Mimmo e i miei ricordi rimasti in ombra per tanto tempo

Ho sempre avuto in animo di palesarli e l'articolo di Giancarlo Macaluso li ha riaccesi

“Io, Enzo Tortora, arrestato in nome del nulla, del puro delirio”

Il 18 maggio del 1988 moriva Enzo Tortora. Le lettere tra il noto personaggio televisivo e Leonardo Sciascia. La storia di Tortora è raccontata dalla figlia Gaia nel libro "Testa alta, e avanti", pubblicato da Mondadori nel 2023