Fondato a Racalmuto nel 1980

Quando la poesia conquista docenti e studenti

Grotte, ospite dell’Istituto Comprensivo “Roncalli”, la poetessa Cristiana Pia Di Francesco regala emozioni e sorrisi

Cristiana Pia Di Francesco con preside e docenti dell’Istituto Comprensivo “Angelo Roncalli”

A sentirla parlare nessuno, ma proprio nessuno, avrebbe potuto immaginare che sotto quella cascata di treccine rosa si nascondesse una ragazza di appena 23 anni. E sì, perché al di là dell’aspetto fresco e frizzante, Cristiana Pia Di Francesco, porge un mondo che difficilmente può essere associato ad una ragazza tanto giovane.

Questo, gli studenti delle classi II e III della scuola media del “Roncalli” di Grotte lo hanno capito subito, componendosi in un religioso silenzio, a tratti quasi surreale, tutte le volte che Cristiana parlava.

L’idea, quella iniziale, era di far avvicinare gli studenti al componimento poetico, una delle tante forme di scrittura con cui esprimere vissuti ed emozioni. Questo era quanto si erano proposti docenti e dirigente, quando hanno pensato di organizzare un incontro con Cristiana, giovane, giovanissima poetessa agrigentina, vincitrice del Concorso di Poesia “Mi illumino d’immenso” nel 2020 e “Poesia sul Palco” nel 2023.

In realtà, l’incontro con l’autrice è andato ben oltre, offrendo agli studenti temi e spunti di riflessione, che sì venivano fuori dalle poesie, ma che mai avrebbero pensato di affrontare con una tale naturalezza e immediatezza.

Se è vero che dentro una poesia ci può stare tutto, l’autrice nei suoi componimenti ha veramente messo se stessa, senza mai trincerarsi dietro parole ad effetto o strofe accattivanti.

Senza presunzione, quasi in punta di piedi, Cristiana ha raccontato in versi fatti della sua vita intimi e reali, riuscendo ad abbracciare gli interessi degli studenti presenti, che seppur apparentemente senza problemi, in qualche verso di una poesia si sono ritrovati.

L’autrice, approdata alla poesia durante il Lock Down, dopo aver sperimentato diverse forme di scrittura, ha sviscerato con semplicità temi quali i disturbi alimentari, i problemi relazionali con i genitori, le crisi familiari, l’amore, la morte, la malattia.

Un fiume in piena, pausato e fluido, questa è stata Cristiana. Immensa nella sua semplicità e chiarezza, diretta nel suo porgersi. Non ha fatto misteri. Non ha nascosto nulla. Anzi ha esortato gli studenti ad accettare i piccoli e grandi problemi. “Il primo passo è accettare di avere un problema, accettarlo con voi stessi. È sicuramente la cosa più difficile, ma la più importante.”, dice Cristiana rivolgendosi agli studenti.

Tante le domande, tante le curiosità poste alla giovane autrice alle quali ha puntualmente risposto. Ma a pensarci bene, poesie e riflessioni a parte, da quello che doveva essere un semplice incontro con l’autore è venuto fuori un vero e proprio richiamo al sentire, al “vivere soprattutto – sottolinea la Preside del Roncalli Antonina Ausilia Uttilla – le relazioni, unico grande bene che ci permette di sperimentare in modo completo e reale la nostra quotidianità fatta, a volte, di criticità ma che non devono portarci alla solitudine, al chiuderci in noi stessi ma devono darci forza per rialzarci in un processo catartico continuo ed inarrestabile. “Il nostro Istituto – aggiunge la Preside del “Roncalli” –  è avvezzo ad eventi culturali  con scrittori di qualsiasi genere letterario e dopo aver incontrato, qualche settimana fa, Francesco Muzzopappa finalista del “Premio Leonardo Sciascia Racalmare Scuola”, oggi è stata la volta di una risorsa del nostro territorio; Cristiana, con naturalezza, ha trasmesso agli studenti non solo sentimenti e riflessioni importanti ma ha anche parlato della semplicità con cui uno scritto, in questo caso versi, può condurre ad una rinascita. Auguro alla giovanissima poetessa tanto successo”

Dire che l’incontro con l’autore è stato bello non renderebbe assolutamente l’idea. Per poter capire quanto è piaciuto ai ragazzi basti pensare che a fine incontro nessuno si schiodava dalla propria sedia, assaporando il benessere venuto fuori da un’ora buona di conversazione con Cristiana, la poetessa con le treccine rosa.

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri

Il frutto dell’estate che fa bene alla salute

Buonissimo, goloso, estivo e tanto atteso

Porto Empedocle, al via l'”Estate Empedoclina”

Tutte le iniziative in programma