Fondato a Racalmuto nel 1980

“Un’orchestra a 6 corde”

Agrigento, al Teatro Pirandello il concerto di Francesco Buzzurro

Francesco Buzzurro

E’ in programma il prossimo 25 febbraio al Teatro Luigi Pirandello di Agrigento il concerto di Francesco Buzzurro dal titolo “Un’orchestra a 6 corde”. Per l’occasione Buzzurro proporrà i grandi successi di Gershwin, Chick Corea, Django Reinhardt e Jobim, da lui arrangiati in modo assolutamente originale, oltre ad alcuni brani di sua composizione tratti dal suo ultimo album “Il quinto elemento”.

Buzzurro, grazie alla sua straordinaria tecnica di matrice classica, aperta a una conoscenza profonda del jazz e dell’improvvisazione, è un punto di riferimento assoluto nel mondo della chitarra acustica, “capace di rendere fruibile – come sottolineato da Ennio Morricone – a tutti la musica colta”.

“Per l’occasione – anticipa il chitarrista – proporrò una sequenza di brani tratti da generi musicali diversi: mi riferisco al tango argentino, alla musica brasiliana, alle grandi colonne sonore tratte da film, alla musica jazz…Ho elaborato il titolo del concerto, un’orchestra a 6 corde, prendendo spunto dalle emozioni degli spettatori che, ogni volta, alla fine di uno spettacolo si venivano a complimentare dicendomi che avevano avuto la sensazione di sentire più strumenti..”.

Il concerto è in programma alle 20,30.

 

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri