Fondato a Racalmuto nel 1980

Comitini, la storia del paese rivive nei Murales dei ragazzi

È Swami Infuso, studentessa dell’Istituto Comprensivo “Roncalli”, la vincitrice del Concorso di Idee indetto dal Comune. Il suo murales arricchirà il “Parco degli Angeli”

Il murales di Swami Infuso

È Swami Infuso, la vincitrice del Concorso di Idee indetto dal Comune di Comitini dal titolo “Murales dei ragazzi al Parco degli Angeli”. Il Concorso nato per dare vita ad un Progetto che prevede la realizzazione di un murales ceramizzato da installare sul muro di contenimento del Parco degli Angeli, ha visto la partecipazione di tutti gli studenti del secondo ciclo della Scuola primaria e di tutti quelli della scuola secondaria di primo grado di Comitini.

Le bozze e i disegni, accompagnati da una breve relazione o da didascalia che ne rappresentasse il significato ed il legame con il territorio e la storia di Comitini, avevano come temi la storia delle miniere di zolfo e dei carusi e le tradizioni popolari.

I numerosi elaborati prodotti sono stati valutati da un’apposita commissione costituita dal sindaco di Comitini Nino Contino, dal comandante della stazione dei carabinieri di Comitini Salvatore Picone e dal dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Roncalli Antonina Ausilia Uttilla.

“Gli elaborati realizzati dai nostri studenti per il Concorso di idee indetto dal Comune di Comitini – spiega Tania Bunone, docente di Arte e immagine –  sono il frutto della loro creatività e della loro fantasia. Insieme alla collega Ina Capraro abbiamo proposto i temi del concorso, dando solo alcuni input. Il nostro intendo era quello di fare in modo che i ragazzi approfondissero in maniera personale e soggettiva, attraverso ricerche autonome, i temi del concorso. Era importante che ciascuno studente raccontasse, attraverso una bozza o un disegno, la sua prospettiva, il suo modo di vedere la storia di Comitini. Una volta sicuri del tema da proporre, hanno dato vita ai propri lavori accompagnati da una breve descrizione o da una didascalia. In questa fase un prezioso aiuto è stato fornito dalla professoressa Paola Lucido, che li ha guidati nell’argomentare il significato ed il legame dell’elaborato con il territorio e la storia di Comitini”.

Lo studio, la conoscenza, l’amore per il proprio territorio e per la sua storia in questo modo prendono vita tra i banchi di scuola attraverso una concreta e stimolante collaborazione tra amministrazione comunale e istituzione scolastica.

Il comandante della stazione dei carabinieri di Comitini Salvatore Picone, il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Roncalli Antonina Ausilia Uttilla e il sindaco di Comitini Nino Contino con il murales di Swuami Infuso

“È volere di questa amministrazione – spiega Mariarita Grassagliata, neo assessore alla pubblica istruzione – realizzare un fotolibro con tutti i disegni accompagnati dalle didascalie che hanno partecipato al concorso. Il fotolibro rappresenta un riconoscimento per tutti gli studenti che con impegno e creatività muovono i primi passi in un progetto di democrazia partecipata a cui vorremmo che tutti i giovani del nostro territorio si accostassero”.

Nelle prossime settimane a Swami Infuso, della II A della scuola secondaria, la commissione esaminatrice consegnerà una targa, in attesa che il murales in quadricromia delle dimensioni di centimetri 160 di altezza per 435 di lunghezza venga realizzato e installato sul muro di contenimento del Parco degli Angeli a perenne memoria.

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Conosce i segreti dei libri e degli scrittori di ogni tempo

Conversazione con Salvatore Ferlita, docente universitario, saggista e critico letterario. Il 17 aprile alla libreria Feltrinelli di Palermo la presentazione del suo nuovo libro Pirandello di sbieco, edito da Sellerio

“Tra Terra e Acqua: Antiquarium del Mare”

Agrigento, a Casa Sanfilippo la presentazione del volume in memoria di Daniele Valenti

“Cucina in giallo”

Al Museo "Pietro Griffo" di Agrigento Gaetano Savatteri presenta la nuova Antologia di Gialli edita da Sellerio

Gianfranco, l’eremita che amava costruire giocattoli

Una vita travagliata quella di Gianfranco Messana: l'abbandono della madre a Milano, l'infanzia difficile a Racalmuto e poi pellegrinaggi in Grecia e in Spagna. L'unica sua passione: costruire giocattoli. A Mori, vicino Rovereto, dove visse negli ultimi anni, il suo ricordo ancora vivo.