Eataly sceglie l’olio della Valle dei Templi

di | 29 Giu 16

La prestigiosa catena, dedicata alle eccellenze dell’agroalimentare italiano, nel cuore dell’antica Akragas per conquistare il palato degli italiani. E non solo. 

Valle dei Templi Agrigento

Valle dei Templi Agrigento

La prestigiosa catena dedicata alle eccellenze dell’agroalimentare italiano, guidata dal patron Oscar Farinetti, ha selezionato i prodotti della Val Paradiso per essere presentati nel Tempio dell’enogastronomia di qualità.

Val Paradiso Classico e Diodoros saranno disponibili in Italia ed all’estero grazie al progetto di valorizzazione denominato “Buono, pulito e giusto promosso da Eataly e Slow Food, riservato alle migliori aziende Olivicole insignite della prestigiosa Chiocciola, che rappresenta il più alto riconoscimento nell’ambito della guida agli Extravergini Slow Food.

Gli Oli selezionati sono due, il Classico Val Paradiso, blend di Nocellara del Belice e Biancolilla e l’olio Diodoros, l’Extra Vergine dell’Ente Parco, proveniente dai secolari Ulivi della Valle dei Templi di Agrigento.

L’olio della Valle, frutto della collaborazione tra l’azienda Val Paradiso e il Parco della Valle dei Templi, rappresenta un esclusivo progetto di valorizzazione della cultura e civiltà siciliana e mediterranea.

I secolari ulivi curati dall’azienda, sono dei veri monumenti viventi e rappresentano un bene storico–culturale, ricco di valori simbolici ed istituzionali legati all’ ulivo e al suo frutto.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About Giuseppe Piscopo

Giuseppe Piscopo FAVARA IN LINEA di GIUSEPPE PISCOPO. Giornalista e operatore culturale. Fatti, storie, personaggi, curiosità e molto altro dalla Città dell'Agnello Pasquale.

Connect

View all Posts

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


  • “Dalle parti di Leonardo Sciascia” sbarca ad Hamilton
    Nella comunità racalmutese dell'Ontario il libro di Salvatore Picone e Gigi Restivo, dedicato ai luoghi di Sciascia, diventa uno strumento per far conoscere lo scrittore ai suoi concittadini che vivono in Canada. Charles Criminisi: "Sono stato molte volte a Racalmuto, ma non l’ho mai vissuto nel modo in cui è descritto da questi due autori" […]

Facebook