“Voi che vivete sicuri…”

|




E’ il tema della nona edizione di “Trame”, il Festival dei Libri sulle Mafie in programma a Lamezia Terme dal 19 al 23 giugno. Il direttore del festival Gaetano Savatteri: “A cento anni dalla nascita di Primo Levi, queste parole risuonano ancora drammatiche e attuali”. Il programma del festival

Gaetano Savatteri, direttore artistico di “Trame”

I protagonisti della lotta alla mafia, anche quest’anno, si danno appuntamento a Lamezia Terme. È in arrivo, infatti, la nona edizione di TRAME, il Festival dedicato ai libri sulle mafie, che torna dal 19 al 23 giugno 2019 con cinque giornate di incontri, spettacoli, proiezioni e concerti per diffondere il valore della legalità attraverso la cultura e la partecipazione.

Il tema della IX edizione di Trame è “Voi che vivete sicuri…”. “Una suggestione e al tempo stesso una provocazione – spiega Gaetano Savatteri, Direttore artistico del festival – A cento anni dalla nascita di Levi, queste parole risuonano ancora drammatiche e attuali: Trame 9 vuole essere l’occasione per riflettere proprio a partire da un territorio in cui la domanda di sicurezza è particolarmente forte a causa della prepotenza delle mafie. I versi di Primo Levi ci ricordano che la sicurezza è un bene prezioso, ancora troppo spesso minacciato, un bene primario che riguarda tutti: i cittadini residenti su un territorio e chi è di passaggio o in viaggio, riguarda chi emigra e chi accoglie; il concetto di sicurezza, quindi, non può essere strumentalizzato. È un bene necessario per la vita democratica dell’intero Paese».

Protagonisti del festival saranno come ogni anno ilibri, che attraverso i loro autori, daranno forma e sostanza agli incontri nelle piazze e nei cortili storici di Lamezia. Sono tanti gli ospiti previsti, tra questi: Nicola Gratteri presenterà il suo ultimo libro, Storia segreta della ‘ndrangheta (di N. Gratteri e A. Nicaso); Mimmo Gangemi, racconterà il suo Marzo per gli agnelliRita Di Giovacchino con Il libro nero della Repubblica. Criminalità e politica: 1960-2018Attilio Bolzoni con Paolo Mondani (Report) dialogherà sul suo Il padrino dell’antimafiaGiancarlo Caselli parlerà del suo libro C’è del marcio nel piatto con Gioacchino BonsignoreEnzo Ciconte racconterà di Giovanni Falcone, L’uomo il giudice il testimone; Giovanni Tizian e Stefano Vergine presenteranno la loro ultima fatica: Il libro nero della LegaMarco Travaglio interverrà sul suo Padrini fondatori. La sentenza sulla trattativa Stato-mafia che battezzò col sangue la Seconda Repubblica.

E ancora parteciperanno: Nello Trocchia con CasamonicaViaggio nel mondo parallelo del clan che ha conquistato Roma; Nando Dalla Chiesa e Federica Cabras con Rosso Mafia. La ’ndrangheta a Reggio Emilia; Paolo Borrometi con Un morto ogni tanto. La mia battaglia contro la mafia invisibileDario Cirrincione con Figli dei boss. Vite in cerca di verità e riscatto; Floriana Bulfon con Casamonica, la storia segreta. La violenta ascesa della famiglia criminale che ha invaso RomaQiu Xialong, inventore del noir cinese censurato nel suo Paese,con L’ultimo respiro del drago.

A completare l’edizione gli incontri con Nicola Morra, Presidente Commissione Antimafia, e con Gabriele Rubini, in arte Chef Rubio e i focus su Migranti e sicurezza, che vedranno Francesco d’Ayala dialogare con Massimo Alberizzi, Sergio NazzaroAndrea Membretti Marco Omizzolo, Domenico Quirico.

Il programma di quest’anno sarà ricco anche di spettacoli e proposte musicali, per coinvolgere tutto il pubblico e arrivare ai più giovani: per Trame in scena il reading/spettacolo con Salvo Piparo, tratto dal libro di Lucio Luca L’altro giorno ho fatto quarant’anni, sulla storia del giornalista calabrese Alessandro. Invece per Trame in musica andrà in scena il jazz con la rassegna Trame in Jazz around midnight, che prevede due appuntamenti, di cui uno con il sassofonista Francesco Cafiso, uno dei maggiori interpreti italiani del jazz internazionalel’altro con Francesco Scaramuzzino Quartet.

Infine, è previsto anche il rap con alcuni artisti italiani che si cimenteranno sulle parole del cambiamento.

 

 

 

 

.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *