“Vinni lu virus a marturiarini la vita”

da | 12 Apr 20

“Il mio è un diletto da pensionato ” schiffarato”, che mi appassiona”, scrive Giovanni Salvaggio, autore della poesia che pubblichiamo. Una passione, la sua, che apprezziamo molto ed è con grande piacere che ospitiamo i suoi versi.

Giovanni Salvaggio

Lu virus

Vinni lu virus a marturiarini la vita,
nunni vasta la vicchiaglia ca n’ àssicuta,
macari lu mpìernu prima ca ni tocca.

A prima lista di periculu ni misi,
senza sapiri di cu n’ àma guardari,
siliati ni li casi ni dissiru di stari.

La televisioni sta sempri addrumata,
fina l’ esercitu fa la spilata,
di criatura ca lassaru la so vita.

Lu munnu si firmà di lu commerciu,
fu di la Cina ca partì lu fuocu,
varcannu li confini cumu lu spiritu.

Distrudi li genti chiossà di la guerra,
cu avi nènti e cu avi li grana,
spiramu sulu ca nu lassa miseria.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


  • Quel libro su Agrigento disperso e ritrovato
    HAMILTON IN LINEA La ristampa delle "Memorie storiche" di Giuseppe Picone era stato inviato ad Angelo Cino della Fratellanza Racalmutese di Hamilton. Ritrovato in un mercatino dell'usato, ora è tornato a casa […]

Facebook