“Vi ‘Nzignavu”

|




L’appuntamento del sabato con i versi di Giovanni Salvo

Giovanni Salvo

VI ‘NZIGNAVU

*-*-*

Mi dimettu di pueta

lassu tuttu a lu distinu

Di scritturi, di profeta

di  canturi e di parrinu

Nenti cchiu’ mi chiama rima

e nun trovu mancu un difettu

‘Nda lu cori portu nna’ sima

li me pugna supra lu pettu

Abbannunu la spiranza

e li cosi a lu distinu

Tegnu tuttu ‘nda la panza

li me spogli sutta un pinu

Certu si presti duvitti muriri

e piriri comu ‘nguerra

L’ultima cosa vosi diri

scrivennu rimi su sta terra

Ogni omu chi  ‘ncuntravu

di la chiazza a lu stratuni

Una cosa vi ‘nzignavu

cci su facci di cartuni.

Ignazio Marchese

Ascolta la poesia. Voce di Ignazio Marchese

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *