“Vi ‘Nzignavu”

da | 27 Giu 20

L’appuntamento del sabato con i versi di Giovanni Salvo

Giovanni Salvo

VI ‘NZIGNAVU

*-*-*

Mi dimettu di pueta

lassu tuttu a lu distinu

Di scritturi, di profeta

di  canturi e di parrinu

Nenti cchiu’ mi chiama rima

e nun trovu mancu un difettu

‘Nda lu cori portu nna’ sima

li me pugna supra lu pettu

Abbannunu la spiranza

e li cosi a lu distinu

Tegnu tuttu ‘nda la panza

li me spogli sutta un pinu

Certu si presti duvitti muriri

e piriri comu ‘nguerra

L’ultima cosa vosi diri

scrivennu rimi su sta terra

Ogni omu chi  ‘ncuntravu

di la chiazza a lu stratuni

Una cosa vi ‘nzignavu

cci su facci di cartuni.

Ignazio Marchese

Ascolta la poesia. Voce di Ignazio Marchese

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


  • Quel libro su Agrigento disperso e ritrovato
    HAMILTON IN LINEA La ristampa delle "Memorie storiche" di Giuseppe Picone era stato inviato ad Angelo Cino della Fratellanza Racalmutese di Hamilton. Ritrovato in un mercatino dell'usato, ora è tornato a casa […]

Facebook