Un’App gratuita sul Trasporto Pubblico. Ma ad Agrigento le Istituzioni dicono “no, grazie”

di | 14 Nov 15

L’ingegnere Eugenio Agnello, esperto nel digitale, realizza un’App sul sistema di trasporto locale degli autobus, ma la sua innovazione si scontra con il rifiuto delle istituzioni. Una lunga vicenda raccontata dal suo diretto protagonista.

Introdurre un sistema di navigazione digitale per il trasporto pubblico in una città di media grandezza come Agrigento, nel sud Italia, non è un’idea comune nè tanto facile da farsi venire in mente. Fino ad oggi, Google Map o qualunque altra App di navigazione esistente offrono per Agrigento sistemi di navigazione solo per auto o per pedoni.

Agrigento è una città di mare e di arte a forte vocazione turistica ed ha una popolazione residente di circa 60 mila abitanti che si muovono quasi esclusivamente con i mezzi privati.

A nessuno di loro, per via delle loro abitudini, verrebbe in mente di realizzare un App sul sistema di trasporto locale degli autobus. Io sono uno di loro, vivo ad Agrigento, e l’idea di realizzare l’App mi è venuta grazie ad una serie di coincidenze.

moovit-agrigento-open-data

Io lavoro nel digitale, l’anno scorso stavo partecipando alla Startup Weekend Palermo. C’erano diverse presentazioni di idee che aspiravano a diventare delle imprese. L’idea progetto che più mi interessò si chiamava Journey, un App che localizzava su una mappa lo spostamento delle persone in tempo reale. Poteva essere usata tra utenti con lo scopo di conoscere in anticipo eventuali ritardi ad un appuntamento che una persona avrebbe portato.

Durante la strada verso casa il mio cliente, anche lui presente all’evento, mi chiese se era possibile adattare questa idea al monitoraggio di una flotta di mezzi commerciali.

Dopo una ricerca su Internet ho scoperto che esistevano diverse aziende che vendevano localizzatori GPS per flotte di veicoli con relativo software per monitorare rotte, velocità, kilometri percorsi, ore di lavoro dei conducenti e altro ancora. Per il mio cliente queste informazioni andavano bene. Ma c’era qualcosa che durante la ricerca mi interessava maggiormente, ed erano il sistema dei trasporti urbani.

Durante le mie ricerche ho trovato diverse agenzie di trasporto urbano che rilasciavano App su orari e fermate dei bus, e fra queste App c’era anche Moovit. Moovit è un pianificatore di viaggio di mezzi pubblici urbani che offre informazioni di viaggio in tempo reale e che integra i dati forniti dalle agenzie di traposrto urbano con quelli di cittadini volontari attraverso il crowdsourcing.

Moovit è un App gratuita e non necessita l’installazione di GPS sui mezzi pubblici.

Era quello che cercavo. Esplorando le diverse funzioni ho realizzato che se avessi messo in contatto Moovit e la compagnia di trasporto di Agrigento, la TUA Srl,  avrei offerto un servizio ancora migliore:

  • Moovit consente all’Agenzie di Trasporto di aggiornare gli orari dei bus e inviare avvisi agli utenti.
  • Moovit consente ai viaggiatori di inviare feedback riguardo ritardi, sovraffollamento, livello di pulizia, incidenti e malfunzionamenti.

Durante quel periodo sono stato invitato a far parte parte dell’associazione dei Digital Champion italiani e a rappresentare Agrigento. L’obiettivo principale dell’associazione è quello di promuovere e supportare la digitalizzazione delle istituzioni. E questo mi ha motivato a coinvolgere al TUA srl.

Mentre cerco di contattare la TUA Srl, parlo del mio progetto con clienti, amici e colleghi e chiedo loro dei consigli su come muovermi. Alcuni di loro mi dicono che varrebbe la pena scambiare delle idee con l’associazione Open Data Sicilia.

Entro in contatto con la comunità di Open Data Sicilia, un gruppo di persone eccezionali: appassionati, competenti e generosi. Scrivo un post sul loro gruppo Facebook e raccolgo tanti consigli e capisco che stavo sbagliando strada. I loro consigli si traducono in una lettera da inviare alla TUA srl dove si chiedeva di rilasciare i dati dei trasporti in formato Open Data cioè libero, aperto.

Ottengo un incontro con il responsabile della TUA, gli consegno la lettera e gli mostro le potenzialità e i vantaggi che la sua azienda e i cittadini avrebbero ricevuto dalla digitalizzazione dei dati del trasporto pubblico.

Ho mostrato quanto fosse utile Google Map per i Bus, funzione attivabile da Google Transit, ho mostrato Travic, che traccia i movimenti dei bus rappresentandoli dinamicamente come dei punti in movimento. Ed poi ancora  OpenStreetMap, Moovit, etc.

Ho spiegato loro le infinite possibilità dei formati open data e del possibile loro riutilizzo intelligente da parte di chiunque per creare mappe tematiche, applicazioni web, applicazioni mobile e molto altro ancora.

Ho fatto notare che il primo passo fondamentale per fare in modo che tutto ciò accada, è quello di rilasciare i dati in open data. Ho fatto anche notare che tutto quello che avevamo visto insieme quella mattina sarebbe arrivato gratuitamente e a cascata. Li ho avvisati che a regime loro avrebbero avuto solo l’onere di aggiornare i dati in caso di variazioni di orari, rotte e fermate.

Grazie alla community Open Data Sicilia ho messo in contatto la TUA Srl con altre aziende di trasporto di altre città siciliane che avevano già realizzato questo progetto. Speravo che questo sarebbe servito a convincerli.

Purtroppo da quel giorno non è successo più nulla e le mie continue richieste di contatto, via telefono, messaggi o email sono rimaste senza risposta. 

Una buona alternativa, ho pensato, era coinvolgere il Comune di Agrigento. Ho contattato lo staff del Sindaco, ma anche in questo caso nessuna risposta.

Allora, ormai senza molte speranze, verso l’inizio dell’estate prendo una decisione: dedicare un’ora al giorno per raccogliere orari e percorsi dal sito della TUA Srl e inserirli su Moovit. Moovit è un’applicazione creata da un’azienda privata che, analogamente a Google Map, offre itinerari dei mezzi pubblici da un punto di origine ad un punto di destinazione ed è disponibile gratuitamente per tutti i tipi di smartphone.

moovit edit

Dopo un paio di mesi avevo finito. Qualche settimana fa, Moovit mi comunica che la verifica dei dati che avevo caricato sul sito di Moovit da parte dello Staff era andata a buon fine e che il rilascio dell’applicazione per la città di Agrigento era imminente.

E cosi, già da qualche settimana, l’applicazione è scaricabile gratuitamente sugli store di tutti i sistemi operativi mobili ed è a disposizione di residenti, turisti (è disponibile in 38 lingue) e utenti di ogni genere. Sono felice di comunicare che proprio da pochi giorni, anche per Agrigento è stata rilasciata la versione web: http://tripplan.moovitapp.com

moovit-agrigento-applicazione

Ad Agrigento la notizia della pubblicazione dell’App è stata data il 27 ottobre 2015. A seguito della notizia sono stato invitato a presentare l’app a due conferenze stampa organizzata da Confcommercio e dal Distretto Valle dei Templi. Diversi articoli sono apparsi online, proprio ieri anche su un sito della Commissione Europea. Qui il video di una mia intervista a Radio In Agrigento:

Durante le conferenze  sono stato contattato da diversi residenti, utenti del trasporto urbano, che spontaneamente e con molta motivazione mi hanno raccontato le loro esperienze. Mi hanno confessato che i bus non rispettano gli orari previsti e che gli stessi conducenti suggeriscono di non tenere conto degli orari ufficiali.

Non so quanto sia vero quello che mi è stato riferito, ma non escludo che possa essere vero, ed ho la sensazione che per i bus ci sia qualcosa di più di una semplice mancanza di puntualità.

Se questo fatto fosse vero allora si spiegherebbe la reticenza dell’Agenzia di Trasporto Pubblico, e quindi non sarebbe più una semplice diffidenza verso le nuove tecnologie, ma un problema di trasparenza. Pubblicare i dati in una maniera più comoda per i viaggiatori significa mettersi in una situazione in cui non puoi più nascondere eventuali ritardi, e perché a quel punto ogni utente potrebbe accorgersene e puntare il dito.

Questo post è una libera traduzione dall’inglese del post pubblicato ieri sul sito Europeandataportal.eu della Commissione Europea dedicato gli Open Data.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


  • “Dalle parti di Leonardo Sciascia” sbarca ad Hamilton
    Nella comunità racalmutese dell'Ontario il libro di Salvatore Picone e Gigi Restivo, dedicato ai luoghi di Sciascia, diventa uno strumento per far conoscere lo scrittore ai suoi concittadini che vivono in Canada. Charles Criminisi: "Sono stato molte volte a Racalmuto, ma non l’ho mai vissuto nel modo in cui è descritto da questi due autori" […]

Facebook