Una nuova linea ferroviaria tra Agrigento, Sciacca e Trapani

da | 31 Gen 22

E’ quanto auspica l’ex parlamentare del Pd Maria Iacono. Finanziati 60 milioni di euro per ridare vita alle ferrovie turistiche Siciliane

Maria Iacono

Maria Iacono

“E’ di 60 milioni di euro, finanziati tramite il PNRR, la cifra complessiva che sarà utilizzata per ridare vita alle ferrovie turistiche della Sicilia previste dalle Legge 128/2017”.

A dirlo è l’ex parlamentare del Partito Democratico Maria Iacono, prima firmataria della Legge che porta il suo nome e che ha istituito e regolamentato le ferrovie turistiche in Italia dopo un iter parlamentare iniziato nel 2013.

“La Fondazione FS – spiega Maria Iacono – ha avviato i cantieri per l’ammodernamento e l’adeguamento infrastrutturale della Ferrovia dei Templi, meravigliosa linea turistica già riaperta all’esercizio dei treni storici nel 2014 dopo tanti anni di chiusura, e da dove è partito il nostro lavoro per creare una legge a tutela di queste infrastrutture che, in seguito, in tutta Italia, ha permesso di salvare circa 700 km di binari dalla distruzione”.

“Oltre alla ferrovia dei templi – aggiunge  – in questi giorni sono stati avviati i cantieri anche sulla Noto – Pachino, chiusa dal 1986. L’auspicio, adesso, è che presto partano i lavori di recupero anche sulla Alcantara – Randazzo. Si concretizza, in tal modo, il disegno più ampio finalizzato alla valorizzazione di queste infrastrutture che per decenni hanno caratterizzato in negativo i territori attraversati, trasformate spesso in discariche pubbliche, e che oggi tornano a nuova vita, apportando enormi benefici all’economia turistica, sconfessando l’assurda teoria dei rami secchi che ha comportato la chiusura di centinaia di chilometri di linee secondarie nel passato”.

“Non posso che esprimere la mia soddisfazione per i risultati concreti ottenuti dalla Legge 128: oggi sono 11 le ferrovie turistiche già operative in tutto il Paese; a bordo dei treni storici e turistici viaggiano oltre 100mila turisti l’anno, con un trend destinato a crescere ulteriormente grazie all’apertura di nuove tratte utilizzando i fondi del PNRR. E a proposito di PNRR – conclude Maria Iacono – auspico che si possano individuare al più presto i fondi per lo studio di una nuova linea tra Agrigento, Sciacca e Trapani per così porre rimedio alla chiusura dell’unico collegamento ferroviario esistente tra le due province dal 1986, che ha penalizzato enormemente lo sviluppo turistico ed economico dei nostri territori”.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone