Una nuova alba alla Valle dei Templi

da | 15 Ago 21

I sette vizi capitali raccontati lungo la Via Sacra. Foto di Daniele Rosapinta

Una nuova “Alba” nella Valle dei Templi di Agrigento. Questa mattina, lungo la Via Sacra e sotto la Concordia, il nuovo spettacolo di Gaetano Aronica “E non temere il domani”: sette quadri per raccontare altrettanti vizi capitali, “che altro non sono se non la degenerazione dei sentimenti più nobili”.

Aronica firma la regia con Giovanni Volpe. Sette le stazioni in un unico percorso, dalla notte fino all’aurora, molto scenografico e interpretato dagli attori della Fondazione Teatro Luigi Pirandello.

Lo spettacolo sarà ripetuto domattina, sempre all’alba, nell’area archeologica di Monte Adranone, sopra Sambuca di Sicilia..

“E non temere il domani” – realizzato da CoopCulture con il Parco Valle dei Templi e il Teatro Luigi Pirandello – sarà replicato il 25 e il 29 agosto e si intersecherà (il 22 agosto) con le “pillole” de “A passo coi templi”, lo spettacolo di Marco Savatteri con la Casa del Musical che ha aperto il ciclo delle albe. . Il  27 e il 28 agosto, infine, sono invece previste le ultime due repliche dell’Iliade interpretata da Sebastiano Lo Monaco, sotto il tempio della Concordia.

Guarda le foto di Daniele Rosapinta

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone