Situazione finanziaria dei Comuni, grido d’allarme in Sicilia

|




Il sindaco di Sciacca Fabrizio Di Paola, componente del consiglio direttivo dell’Anci Sicilia: “Segnali preoccupanti. Lo Stato intervenga”.

Fabrizio Di Paola

Fabrizio Di Paola

“I numeri sono impietosi. Sono 272, in Sicilia, i Comuni che non hanno ancora approvato i bilanci di previsione con Enti che non riescono a chiuderli. Un segnale d’allarme. Lo Stato intervenga prima che sia troppo tardi. Le norme, ancora più stringenti, sulla nuova contabilità finanziaria (cosiddetta armonizzazione contabile) rischiano di dare il colpo di grazia a un sistema fragilissimo”. È quanto dichiara il sindaco di Sciacca Fabrizio Di Paola, componente del consiglio direttivo dell’Anci Sicilia, dopo i resoconti di stampa sulle Giornate dell’Economia del Mezzogiorno, a cui hanno preso parte rappresentanti dell’Associazione dei Comuni, della Fondazione Curella, dei Sindacati ed esperti di contabilità pubblica.

“Una situazione generale sconfortante nel Meridione d’Italia e in Sicilia – dice il sindaco Fabrizio Di Paola –. Lo abbiamo già segnalato nel corso dell’assemblea nazionale dell’Anci a Torino. Lo Stato deve tenere conto della estrema debolezza del tessuto produttivo e sociale della Sicilia, diverso da una regione del nord. E deve tenere conto delle difficoltà in cui si dibattono le Amministrazioni pubbliche dell’isola a forte rischio implosione, sia per le nuove norme contabili che per i tagli e i ritardi dei trasferimenti di risorse finanziarie da Stato e Regione. L’Amministrazione comunale di Sciacca quest’anno, anche se da poche settimane, è riuscita a chiudere il bilancio e a trasmettere la bozza al Consiglio comunale per l’esame e il varo definitivo, dimostrando di avere un’idea economico-finanziaria. Ci sono Comuni, è emerso nella giornata di studio, che non hanno nemmeno discusso in Giunta la manovra. La situazione, se non si interviene, rischia di aggravarsi il prossimo anno. Le previsioni sono preoccupanti”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *