Le Rubriche

I cilindri del potere e le città vuote nelle opere

News image

Si conclude oggi nella galleria dello studio fotografico "Riflessi" di ...

Sabato, 8 Marzo 2014

Leggi tutto

Il filo rosso delle storie di "Donne allo specchio

News image

Un contributo letterario con forte valenza sociale nella raccolta di ...

Giovedì, 6 Marzo 2014

Leggi tutto

E Matteo il Magnifico si prese l'Italia

News image

E' bastato un blitz durato poche settimane e la determinazione ...

Sabato, 1 Marzo 2014

Leggi tutto

Rubriche - Favara in linea

Il vocazionista colombiano preferisce una toccante lettera alla classica omelia

L'ultimo saluto ad Armando Giglia"T'immagini se con un salto si potesse/ Si potesse anche volare/ Se in un abbraccio si potesse scomparire /E non avremmo neanche il tempo di soffrire /E poi t'immagini se invece si potesse non morire /E se le stelle si vedessero col sole..." Mentre a Sanremo, sul palco pieno di fiori dell'Ariston, i Modà cantavano all'Italia "Se si potesse non morire", a Favara, a San Giuseppe Artigiano, in una chiesa piena di fiori e gremita di parenti e amici con gli occhi gonfi di lacrime, Padre Uriel dava l'ultimo saluto ad Armando Giglia, il giovane favarese vittima di un tragico incidente stradale.

 

Il prete vocazionista, da poco arrivato nel tempio voluto da San Giustino, non conosceva personalmente Armando. In quel maledetto pomeriggio di San Valentino il giovane prete aveva appreso su internet dello schianto avvenuto a Le Dune, a poche centinaia di metri dal mare Mediterraneo, meta preferita di Armando per le pause caffè. E come tanti "internauti", anche Padre Uriel andò a cercare su Facebook il profilo di Armando. Leggendo i post e le foto pubblicate dal promotore culturale della Farm, il giovane pastore della popolosa parrocchia che si affaccia su Piazza Don Giustino, rimase particolarmente colpito. Nel silenzio della sua camera, con il Pc ancora acceso, iniziò a pregare per la giovane vittima e per la sua famiglia, straziata dal dolore. Nell'era della comunicazione di massa e delle amicizie virtuali, basta un clic per conoscere persone ed apprezzare iniziative e comportamenti. Ma padre Uriel non avrebbe immaginato di essere "chiamato" dalla famiglia Giglia a dare l'ultima benedizione ad Armando. La sua non è la Parrocchia di appartenenza di Armando GigliaArmando. Ma, quasi come una richiesta dall'alto, il giorno dopo fu invitato a celebrare messa. Padre Uriel, sabato pomeriggio, ha celebrato le esequie del 27enne artista, dando un "taglio" diverso al funerale. Alla classica omelia, il giovane prete ha preferito rivolgersi alla giovane salma, leggendo una lettera che ha toccato il cuore di tutti i presenti.
Con alcuni tagli redazionali, proponiamo le parti principali della particolare omelia di padre Uriel Ortiz, il 34enne prete arrivato dalla Colombia.
"Caro Armando, anche se non ti conoscevo, permettimi di chiamarti così, come faccio con i giovani che frequentano la mia parrocchia e con i quali spesso parlo e scherzo. Oggi vorrei parlare con te. Sì, proprio con te che sei rinchiuso in una bara, certamente non per tuo volere. E siccome credo che tu sei vivo e che ciò che noi definiamo morte non è la fine del tutto, io voglio parlarti.
Giovedì scorso mi è saltata agli occhi una notizia condivisa da un mio amico: "Un giovane di Favara muore in un incidente". La notizia non mi poteva lasciare indifferente, non solo per il ruolo di pastore che esercito in questa comunità ma anche perché si trattava di un giovane e non so perché, ma quando viene spezzata la vita di un giovane è come se ci sentissimo più coinvolti tutti. Così sono andato a leggere l'articolo, ho preso il tuo nome e sono andato a cercarti su facebook. Ho trovato una bellissima foto che avevi pubblicato qualche ora prima e leggendo i commenti dei tuoi amici ho capito che eri proprio tu.
Anche se non ti conoscevo ci sono rimasto molto male, mi dispiaceva leggere i commenti dei tuoi amici e non, che sulla tua pagina affidavano a poche parole il loro sconvolgimento e la loro incredulità per ciò che ti era accaduto. Tu, invece, eri lì sull'asfalto e il tuo sangue, cioè la tua vita, scivolava via come una foglia che non riesce ad attecchire in un terreno così arido. Arido il terreno ma non il tuo sangue. Perché il tuo sangue era rosso e il rosso, come dice D'Avenia, è il colore dell'amore, è il colore della vita. Ho pensato subito alla tua famiglia, alla tua cara mamma, che come tutte le mamme hanno quel legame viscerale che permette di sentire il dolore del figlio anche quando nessun altro se ne avvede. Ho subito detto di sì alla richiesta della tua famiglia, ma il pensiero di dover celebrare il tuo funerale un po' mi spaventava. Ti confido una cosa: questi momenti sono difficili non solo per i tuoi cari, parenti e amici, ma lo sono anche per noi sacerdoti, o almeno parlo per me.
Ho deciso di parlarti, scegliendo la forma della lettera anziché la solita predica e ti chiedo scusa in caso tu pensi che io abbia sbagliato. So che ora mi stai ascoltando non solo tu, ma anche i tuoi cari e tutti coloro che sono accorsi a questo luogo per stringersi attorno a te e a loro.
L'ultima foto che hai pubblicato è bellissima, unisce il mare e il cielo con delle nuvole che sembrano danzare nell'infinito portate via dal vento. Anche tu sei andato via, e come le nuvole sembri scomparire nell'infinito. Nell'infinito amore di Dio che è Padre, che ci ama, che ci accoglie così come siamo. Allora ti penso in questo infinito e anche se sembri sparito all'orizzonte so che tu continuerai a vivere.
altSì, perché la morte non spezza i nostri legami, il nostro amore. Tu continuerai a vivere nel cuore dei tuoi cari, nel cuore dei tuoi amici, nel cuore di coloro che condividevano la tua voglia di vivere e di fare. Di fare qualcosa per il tuo amato paese, come Andrea e Florinda e i tuoi amici dell'Associazione Farm Cultural Park che continueranno all'interno dei Sette Cortili a portare avanti il tuo entusiasmo e la tua voglia di ridisegnare Favara; continueranno a prodigarsi perché il tuo, il nostro, piccolo stupendo paese, possa darsi una svolta, così come te lo auguravi all'inizio di quest'anno.
Caro Armando, vorrei dirti tante altre cose, ma mi fermo qui. E ricordati, noi non stiamo celebrando la morte, ma stiamo celebrando la vita. Quella vita piena della quale tu oggi godi nell'infinito amore di Dio. Arrivederci Armando". Migliaia le persone che hanno dato l'ultimo saluto ad Armando, sia in Chiesa che al Cimitero. All'uscita della bara, avvolta dalla bandiera rossa a pois bianchi della Farm, il volo di decine di palloncini bianchi verso quel cielo a cui Armando aveva riservato l'ultimo "scatto".


Giuseppe Piscopo

PROVINCIA E DINTORNI

Indietro Avanti

Frane di Agrigento: "La furia edifica…

Frane di Agrigento:

Nota di Legambiente. "Questa città è tra gli esempi più chiari della condizione in cui vivono molti milioni di italiani, i quali sono soggetti a gravi condizioni di rischio senza nemmeno averne consapevolezza" L'evento franoso che ha interessato una porzione del versante calcarenico-argilloso che sovrasta il Viale della Vittoria è riconducibile ad una alcune cause strutturali dovute principalmente...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"Rispetto e centralità della donna ne…

La prlamentare del Pd Maria Iacono auspica ulteriori passi in avanti per l'acquisizione di una cultura che abbia come elemento caratteristico maggiore considerazione verso il ruolo della donna "In un momento come quello attuale nel quale le donne sono ancora vittime di violenza, emarginazione sociale e discriminazioni di ogni ordine e grado, la giornata internazionale delle donne deve...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Favara, presentato al Papiro "Donne a…

Favara, presentato al Papiro

Il libro di Daniela Spalanca al centro di un confronto ricco di riflessioni profonde Sara, Anna, Roberta, Paola, Marina e Valeria. Sei donne, con storie diverse e contesti diversi. Sei donne con età diverse. Ma l'elenco potrebbe essere più lungo. Sulle storie, tratte da storie vere, ci ha costruito un bel romanzo la giornalista di Agrigento Daniela Spalanca....

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Agrigento: "Urgente una ricognizione …

Agrigento:

Il geologo Antonio Calamita, vice presidente del WWF, interviene sulla frana del costone del Viale della Vittoria, ne spiega le cause e avverte che non bisogna perdere tempo se si vogliono prevenire altri eventi del genere Che vi fosse un problema idrogeologico nella zona a monte dei palazzi Crea del Viale della Vittoria lo sapevamo tutti, anche perchè...

Antonio Calamita 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"Green Italia", costituito il "Comita…

Quattro gli agrigentini che ne fanno Parte: Rosa Galluzzo, Mimmo Fontana, Giuseppe Grimaldi e Claudia Casa Costituita ufficialmente la nuova casa politica degli ecologisti italiani.Sono quattro gli agrigentini chiamati a far parte del "Comitato dei 100", organismo che punterà alla diffusione sui territori delle idee del nuovo movimento politico che, nelle prossime settimane, sarà presentato anche nella Città...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Castrofilippo, Carnevale spostato a d…

Castrofilippo, Carnevale spostato a domenica

Il programma delle iniziative Anche il Carnevale di Castrofilippo ha dovuto fare i conti con il maltempo che in questi giorni è imperversato sulla Sicilia.Sferrazza Gli organizzatori, quindi, non hanno potuto fare a meno di rinviare tutte le iniziative previste a domenica 9 marzo. Lo annunciano in un comunicato il sindaco, Calogero Sferrazza, e l'assessore al Turismo Angela...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Edilizia scolastica, la Provincia chi…

Edilizia scolastica, la Provincia chiede finanziamenti alla Regione

Serviranno per la costruzione di due istituti a Sciacca e a Campobello di Licata Chiesta l'ammissione, alla Regione, al finanziamento per la costruzione di due istituti scolastici della Provincia. Si tratta del Liceo Scientifico Fermi di Sciacca e dell'I.T.C. di Campobello di Licata. Le istanze riguardano il decreto dell'Assessorato Regionale dell'Istruzione e della Formazione Professionale del 23 dicembre...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"No a Finanziaria bis lacrime e sangu…

Dichiarazione di Venturino, Gianni e Cimino "La finanziaria bis dell'assessore Bianchi non può essere una riscrittura lacrime e sangue dei dicktat della burocrazia romana".A dichiararlo sono il vice presidente dell'Ars Antonio Venturino, P.S.E, ed i deputati Michele Cimino, Voce Siciliana, e Pippo Gianni Centro Democratico."Non si possono penalizzare in un momento di stagnazione economica leimprese, il lavoro, l'università...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

CGIL, Iacono: "Esprimo compiacimento …

CGIL, Iacono:

Dichiarazione della parlamentare del Pd sul rinnovo delle cariche direttive del sindacato Maria Iacono, parlamentare nazionale del Pd interviene sul rinnovo delle cariche direttive della CGIL. "Salutdichiara- con soddisfazione e compiacimento la rielezione di Massimo Raso alla guida della CGIL agrigentina e dei nuovi vertici provinciali delle sigle di categoria.Tali riconferme costituiscono il segno evidente dell'ottimo lavoro svolto...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Gela, "I nuovi linguaggi della politi…

Gela,

Venerdì 14 marzo  incontro organizzato dall'Associazione CIFRA. Relatori Francesco Pira e Marco Trainito "I NUOVI LINGUAGGI DELLA POLITICA- Dalla retorica a Facebook,Twitter e Youtube- Dal "Vaffa" a "stai sereno".Questo il tema di un incontro che si svolgerà a Gela il prossimo venerdì 14 marzo organizzato dall'Associazione CIFRA (Cultura, Istruzione,Formazione, Ricerca, Autonomia) presieduta dal dottor Emanuele Antonuzzo, che introdurrà...

Redazione 06 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Sciascia e Malgrado Tutto 

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/649271slide01.jpg

Leonardo Sciascia

“Ho tentato di raccontare qualcosa della vita di un paese che amo e spero di aver dato il senso di quanto lontana sia questa vita dalla libertà e dalla giustizia, cioè dalla ragione…. Tutti amiamo il luogo in cui siamo nati, ma Racalmuto è davvero un paese straordinario”.

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/139987slide02.jpg

Leonardo Sciascia

“Malgrado tutto”: per il mio amico Bufalino – e anche per me – è il più bel titolo che si sia mai trovato per un giornale. Malgrè tout: un francesismo, direbbero i puristi che contiene una visione delle cose illuministica, diderotiana.Malgrado tutto, Ottobre 1987

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/661701slide03.jpg

Leonardo Sciascia

I giornali locali dovrebbero fare opposizione seria sui fatti quotidiani, sulle cose da fare, prendendo così il ruolo di opposizione vera che in molte amministrazioni viene mancando. Opposizione quindi non per principio, per il gusto di farla: ma opposizione sulle cose concrete.Malgrado tutto, aprile 1985

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/416423slide04.jpg

Leonardo Sciascia

La democrazia, da noi, è più forma che sostanza. Non basta che i cittadini votino – e da noi si vota continuamente, troppo – perché un paese possa dirsi democratico. Il banco di prova è l’amministrazione della giustizia. E si suol dire, retoricamente, che l’Italia è la culla del diritto: e invece ne è la bara.Malgrado tutto, giugno 1984

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/133702slide05.jpg

Leonardo Sciascia

Ci sono i magistrati buoni, ottimi, perfetti: ma le leggi non servono contro i buoni cittadini, servono contro i cattivi; quindi è contro il cattivo magistrato che si vuole avere una regolamentazione, una disciplina, al di là di quelle che già ci sono e non funzionano.Malgrado tutto, agosto 1986

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/505851slide06.jpg

Leonardo Sciascia

E’ stato detto – ed è vero – che non c’è fotografia che nel giro di pochi anni non diventi bella per quel che vi si cristallizza di nostalgia, di rimpianto, di sentimento personale o collettivo. E insomma: perché è un ricordo. Malgrado tutto, giugno 1985

Newsletter di Malgrado Tutto Web