Le Rubriche

I cilindri del potere e le città vuote nelle opere

News image

Si conclude oggi nella galleria dello studio fotografico "Riflessi" di ...

Sabato, 8 Marzo 2014

Leggi tutto

Il filo rosso delle storie di "Donne allo specchio

News image

Un contributo letterario con forte valenza sociale nella raccolta di ...

Giovedì, 6 Marzo 2014

Leggi tutto

E Matteo il Magnifico si prese l'Italia

News image

E' bastato un blitz durato poche settimane e la determinazione ...

Sabato, 1 Marzo 2014

Leggi tutto

Rubriche - Agrigento racconta

"Una beffarda passerella". Cosi si è espresso don Mosè Zerai, il sacerdote eritreo da anni punto di riferimento per i profughi in arrivo in Italia,  sulla cerimonia di commemorazione delle vittime di Lampedusa svoltasi ad Agrigento

altAvrebbe dovuto essere soltanto un pomeriggio di raccoglimento e di preghiera tra cristiani e musulmani per commemorare a distanza di settimane i 366 migranti eritrei e somali annegati al largo di Lampedusa. Ma la "pezza" che il Governo ha deciso di mettere sui mancati funerali di Stato, definendola "cerimonia istituzionale", si è tramutata in una piéce inquietante e misteriosa, fatta di cronache distratte, polemiche, slogan e fischi, in cui attori protagonisti sono stati uomini di governo e amministratori locali e stranieri. Attutito da un vocio irrispettoso è stato il pianto dei parenti di quei poveri morti, giunti anche dal nord Europa, con i quali avrebbe dovuto esprimersi la compassione e il dolore per quanto accaduto. Nella concitata rincorsa al "botta e risposta" o al momento di visibilità offerto dalla "beffarda passerella" (come l'ha definita don Mosè Zerai, sacerdote eritreo), la preghiera ecumenica è passata in secondo piano, così come il nome degli officianti, di cui non si è fatta quasi menzione.

Assente giustificato l'arcivescovo monsignor Francesco Montenegro, hanno pregato insieme, sul palco posizionato al porticciolo di San Leone, tra gonfaloni di ogni tipo, il suo vicario, monsignor Vutera, monsignor Gristina, vice presidente della Conferenza episcopale siciliana, monsignor Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, il vice presidente della Comunità Religiosa Islamica Italiana, Imam Yahya Pallavicini. Le loro preghiere sono salite al cielo senza che una sola parola potesse aver eco sulle cronache, per dare valore e sostanza alla commemorazione. Ai sopravvissuti al naufragio, ancora bloccati a Lampedusa non è stato consentito di partecipare a questi retorici"funerali"senza bare; di morti in gran parte (e inspiegabilmente) senza nome, cosicché una commovente cerimonia l'hanno voluta improvvisare loro stessi sull'isola, con l'intonazione di preghiere e il lancio di fiori in mare. Giustificata la rabbia di quanti non hanno potuto effettuare il riconoscimento, di quanti non hanno potuto partecipare alle esequie, di quanti non sanno dove sono sepolti i propri cari e di quanti ancora lamentano la presenza di rappresentanti del Governo eritreo a San Leone (così come a Lampedusa), malgrado abbiano spiegato più volte (non ultimo il portavoce dei preti cattolici eritrei) di essere fuggiti da un regime dittatoriale e che l'invito rivolto a rappresentanti di quel governo sia dunque irrispettoso nei confronti dei morti e pericoloso sia per i sopravvissuti che per le loro famiglie. In piena sintonia con il batti e ribatti nazionale è stato anche l'ambasciatore eritreo Zemede Tekle Woldetatios, che ha voluto dire la sua, dichiarando che i tanti giovani partono per l'Europa per cercare lavoro e non per sfuggire a persecuzioni. Poco dopo ha dovuto lasciare San Leone per le contestazioni che gli sono state rivolte. Al di là dell'aspetto sicurezza dei richiedenti asilo, rimane alquanto inconcepibile il motivo per cui si sia scelto di portar via da Lampedusa le bare e tumularle, senza offrire la possibilità - più logica - di funerali a Lampedusa con la popolazione che aveva sofferto e vissuto i due naufragi e con i sopravvissuti. "La dimensione della commozione ci accomuna comunque, al di là della logistica" afferma il ministro della Difesa Mario Mauro; eppure lo svolgimento di questa cerimonia pomeridiana a San Leone non convince. Il ministro dell'Integrazione Cecile Kyenge ha sottolineato come "per la prima volta" è stata fatta "una cerimonia ufficiale" con cui "lo Stato riconosce persone che non althanno la nazionalità italiana". Quanto al ministro dell'Interno Angelino Alfano, ha dovuto interrompere le interviste per la contestazione di alcuni eritrei e attivisti alla voce di "Assassini... assassini, basta con la Bossi-Fini", tanto che il servizio di sicurezza l'ha condotto rapidamente lontano dalla piazza. "I cosiddetti attivisti che hanno gridato "assassini" sono quelli che vogliono frontiere libere e scafisti in libertà" ha poi dichiarato Alfano. Pur giunto in ritardo, ha voluto partecipare alla cerimonia anche il presidente della Regione Rosario Crocetta: "Avrei gradito che ci fossero qui anche i superstiti del naufragio del 3 ottobre – ha affermato - . E sarebbe stato ancora meglio fare i funerali alla presenza delle bare. Ma non è questo il momento delle polemiche". Presenti alla cerimonia il prefetto Francesca Ferrandino, il vicesindaco di Palermo Cesare Lapiana, e il commissario della Provincia di Agrigento, Benito Infurnari, nonché alcuni deputati agrigentini. Assente, come preannunciato e in netta polemica con la decisione di questa commemorazione, il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini, che è stata oggi ricevuta dal presidente della Repubblica Napolitano proprio per parlare dei gravi problemi dell'isola connessi al fenomeno immigrazione. Misteriosamente è stato dato assente da alcuni organi di informazione anche il sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, seduto invece in prima fila con altre autorità; forse si è ritenuto che l'assenza fosse più coerente con la sua dichiarazione mattutina, quando ha definito la giornata commemorativa una ''passerella per politici'' e "una farsa di Stato". Fastidioso il via vai incontrollato di gente, durante le preghiere. Gli immigrati erano anche in abiti religiosi, molte donne avevano il capo coperto da un velo bianco, gli uomini tenevano dei fiori in mano. Molti si sono sciolti in lacrime. Sullo sfondo, numerosi cartelli: "La presenza del regime eritreo offende i defunti e mette in pericolo i sopravvissuti"; "Sangue nostrum"; "Dove sono i sopravvissuti?" ed altri ancora. Ma la compassione per i morti, il sentimento religioso, i canti cattolici, i versi del Corano, la vicinanza ai parenti delle vittime della comunità agrigentina, sono passati in secondo piano in quella che forse è stata una delle più amare pagine della storia non solo agrigentina: una giornata, scambiata per utile vetrina politica in una fase di transizione e di scelte e occasione di scontro capace di offrire una ribalta nazionale. Lontani, lontanissimi, ormai, il pianto dei soccorritori a Lampedusa, il grido dei sopravvissuti, l'orrore e la rabbia per le vittime, giovani uomini, donne, bambini, neonati. Attutite, perfino, le parole di Papa Francesco: "Vergogna, vergogna".

Anna Maria Scicolone

foto di Elvira Terranova

PROVINCIA E DINTORNI

Indietro Avanti

Frane di Agrigento: "La furia edifica…

Frane di Agrigento:

Nota di Legambiente. "Questa città è tra gli esempi più chiari della condizione in cui vivono molti milioni di italiani, i quali sono soggetti a gravi condizioni di rischio senza nemmeno averne consapevolezza" L'evento franoso che ha interessato una porzione del versante calcarenico-argilloso che sovrasta il Viale della Vittoria è riconducibile ad una alcune cause strutturali dovute principalmente...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"Rispetto e centralità della donna ne…

La prlamentare del Pd Maria Iacono auspica ulteriori passi in avanti per l'acquisizione di una cultura che abbia come elemento caratteristico maggiore considerazione verso il ruolo della donna "In un momento come quello attuale nel quale le donne sono ancora vittime di violenza, emarginazione sociale e discriminazioni di ogni ordine e grado, la giornata internazionale delle donne deve...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Favara, presentato al Papiro "Donne a…

Favara, presentato al Papiro

Il libro di Daniela Spalanca al centro di un confronto ricco di riflessioni profonde Sara, Anna, Roberta, Paola, Marina e Valeria. Sei donne, con storie diverse e contesti diversi. Sei donne con età diverse. Ma l'elenco potrebbe essere più lungo. Sulle storie, tratte da storie vere, ci ha costruito un bel romanzo la giornalista di Agrigento Daniela Spalanca....

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Agrigento: "Urgente una ricognizione …

Agrigento:

Il geologo Antonio Calamita, vice presidente del WWF, interviene sulla frana del costone del Viale della Vittoria, ne spiega le cause e avverte che non bisogna perdere tempo se si vogliono prevenire altri eventi del genere Che vi fosse un problema idrogeologico nella zona a monte dei palazzi Crea del Viale della Vittoria lo sapevamo tutti, anche perchè...

Antonio Calamita 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"Green Italia", costituito il "Comita…

Quattro gli agrigentini che ne fanno Parte: Rosa Galluzzo, Mimmo Fontana, Giuseppe Grimaldi e Claudia Casa Costituita ufficialmente la nuova casa politica degli ecologisti italiani.Sono quattro gli agrigentini chiamati a far parte del "Comitato dei 100", organismo che punterà alla diffusione sui territori delle idee del nuovo movimento politico che, nelle prossime settimane, sarà presentato anche nella Città...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Castrofilippo, Carnevale spostato a d…

Castrofilippo, Carnevale spostato a domenica

Il programma delle iniziative Anche il Carnevale di Castrofilippo ha dovuto fare i conti con il maltempo che in questi giorni è imperversato sulla Sicilia.Sferrazza Gli organizzatori, quindi, non hanno potuto fare a meno di rinviare tutte le iniziative previste a domenica 9 marzo. Lo annunciano in un comunicato il sindaco, Calogero Sferrazza, e l'assessore al Turismo Angela...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Edilizia scolastica, la Provincia chi…

Edilizia scolastica, la Provincia chiede finanziamenti alla Regione

Serviranno per la costruzione di due istituti a Sciacca e a Campobello di Licata Chiesta l'ammissione, alla Regione, al finanziamento per la costruzione di due istituti scolastici della Provincia. Si tratta del Liceo Scientifico Fermi di Sciacca e dell'I.T.C. di Campobello di Licata. Le istanze riguardano il decreto dell'Assessorato Regionale dell'Istruzione e della Formazione Professionale del 23 dicembre...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"No a Finanziaria bis lacrime e sangu…

Dichiarazione di Venturino, Gianni e Cimino "La finanziaria bis dell'assessore Bianchi non può essere una riscrittura lacrime e sangue dei dicktat della burocrazia romana".A dichiararlo sono il vice presidente dell'Ars Antonio Venturino, P.S.E, ed i deputati Michele Cimino, Voce Siciliana, e Pippo Gianni Centro Democratico."Non si possono penalizzare in un momento di stagnazione economica leimprese, il lavoro, l'università...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

CGIL, Iacono: "Esprimo compiacimento …

CGIL, Iacono:

Dichiarazione della parlamentare del Pd sul rinnovo delle cariche direttive del sindacato Maria Iacono, parlamentare nazionale del Pd interviene sul rinnovo delle cariche direttive della CGIL. "Salutdichiara- con soddisfazione e compiacimento la rielezione di Massimo Raso alla guida della CGIL agrigentina e dei nuovi vertici provinciali delle sigle di categoria.Tali riconferme costituiscono il segno evidente dell'ottimo lavoro svolto...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Gela, "I nuovi linguaggi della politi…

Gela,

Venerdì 14 marzo  incontro organizzato dall'Associazione CIFRA. Relatori Francesco Pira e Marco Trainito "I NUOVI LINGUAGGI DELLA POLITICA- Dalla retorica a Facebook,Twitter e Youtube- Dal "Vaffa" a "stai sereno".Questo il tema di un incontro che si svolgerà a Gela il prossimo venerdì 14 marzo organizzato dall'Associazione CIFRA (Cultura, Istruzione,Formazione, Ricerca, Autonomia) presieduta dal dottor Emanuele Antonuzzo, che introdurrà...

Redazione 06 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Sciascia e Malgrado Tutto 

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/649271slide01.jpg

Leonardo Sciascia

“Ho tentato di raccontare qualcosa della vita di un paese che amo e spero di aver dato il senso di quanto lontana sia questa vita dalla libertà e dalla giustizia, cioè dalla ragione…. Tutti amiamo il luogo in cui siamo nati, ma Racalmuto è davvero un paese straordinario”.

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/139987slide02.jpg

Leonardo Sciascia

“Malgrado tutto”: per il mio amico Bufalino – e anche per me – è il più bel titolo che si sia mai trovato per un giornale. Malgrè tout: un francesismo, direbbero i puristi che contiene una visione delle cose illuministica, diderotiana.Malgrado tutto, Ottobre 1987

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/661701slide03.jpg

Leonardo Sciascia

I giornali locali dovrebbero fare opposizione seria sui fatti quotidiani, sulle cose da fare, prendendo così il ruolo di opposizione vera che in molte amministrazioni viene mancando. Opposizione quindi non per principio, per il gusto di farla: ma opposizione sulle cose concrete.Malgrado tutto, aprile 1985

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/416423slide04.jpg

Leonardo Sciascia

La democrazia, da noi, è più forma che sostanza. Non basta che i cittadini votino – e da noi si vota continuamente, troppo – perché un paese possa dirsi democratico. Il banco di prova è l’amministrazione della giustizia. E si suol dire, retoricamente, che l’Italia è la culla del diritto: e invece ne è la bara.Malgrado tutto, giugno 1984

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/133702slide05.jpg

Leonardo Sciascia

Ci sono i magistrati buoni, ottimi, perfetti: ma le leggi non servono contro i buoni cittadini, servono contro i cattivi; quindi è contro il cattivo magistrato che si vuole avere una regolamentazione, una disciplina, al di là di quelle che già ci sono e non funzionano.Malgrado tutto, agosto 1986

https://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/505851slide06.jpg

Leonardo Sciascia

E’ stato detto – ed è vero – che non c’è fotografia che nel giro di pochi anni non diventi bella per quel che vi si cristallizza di nostalgia, di rimpianto, di sentimento personale o collettivo. E insomma: perché è un ricordo. Malgrado tutto, giugno 1985

Newsletter di Malgrado Tutto Web