Selinunte, alla scoperta dell’aulos

di | 25 Nov 21

Domenica 28 novembre visite e approfondimenti al Parco Archeologico nella giornata dedicata ai Musei in Musica

L’aulos di Selinunte è uno strumento dell’Antica Grecia erroneamente creduto un flauto e invece molto più vicino al moderno oboe.

Ma com’è fatto? Quando veniva suonato? Era uno strumento dei pastori o legato alle cerimonie? Dov’è stato rinvenuto?

A questo strumento (in osso, legno o anche avorio) è dedicata un’intera visita organizzata dal Parco Archeologico di Selinunte e da CoopCulture, il 28 novembre, proprio nel giorno in cui cade la giornata dedicata ai Musei in Musica.

.Ogni mezz’ora dalle 10 alle 11,30, al Baglio Florio, si parlerà dell’aulos e dello scavo in cui è stato ritrovato, che verrà poi visitato.

Gli operatori di CoopCulture  “metteranno in luce aspetti insoliti e poco noti della musica nell’antica Grecia, il legame con la danza, l’uso degli aulos durante le cerimonie..”.

_________________________________-

INFO

Domenica 28 novembre

Parco Archeologico di Selinunte | Baglio Florio

In collaborazione con CoopCulture

Quattro turni di visita, in italiano.

Partenza alle 10 / 10,30 / 11 / 11,30

Biglietto: 3 euro + ingresso al sito

Max 15 visitatori per turno

Si consiglia l’ingresso al sito con largo anticipo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


  • “Istruire le nuove generazioni per una società multietnica”
    HAMILTON IN LINEA Si conclude con quest'articolo il racconto della vicenda legata alle ingiustizie subite dagli Italo-Canadesi durante la seconda guerra mondiale. Le scuse del Governo Italiano e i ringraziamenti delle famiglie di chi ha vissuto l'incubo della reclusione. La storia di Giovanni Travale e Vincenzo Lo Cicero […]

Facebook