Sanzione pecuniaria ai soggetti inadempienti all’obbligo vaccinale

da | 20 Lug 22

Le novità normative e le modifiche procedurali. Il testo con i chiarimenti dalla referente aziendale, dottoressa Angelita Butera. 

Relativamente al nuovo decreto legge n.91 del 15 luglio 2022 che introduce alcune novità per ciò che riguarda la Sanzione pecuniaria nei confronti dei soggetti inadempienti all’obbligo vaccinale COVID-19, l’Asp di Agrigento ha diffuso il testo con i chiarimenti dalla referente aziendale, dottoressa Angelita Butera. Di seguito il testo

“in tutti i Distretti sanitari dell’ASP, sono stati individuati gli uffici a cui possono rivolgersi i soggetti che hanno ricevuto dalla Agenzia dell’entrate una sanzione pecuniaria per inadempienza alla vaccinazione anti Covid-19, ai sensi dell’art. 4 sexies del DL 7 gennaio 2022 n. 1 e successiva modifica art. 51 ter del DL 15 luglio 2022 n. 91 . In questo caso è possibile produrre “l’eventuale certificazione relativa al differimento o all’esenzione dall’obbligo vaccinale, ovvero altra ragione di assoluta e oggettiva impossibilità”. Il nuovo DL 15 luglio 2022 n. 91 all’art. 51 ter prevede che gli ultra 50enni che non abbiano iniziato o non abbiano concluso il ciclo vaccinale alla data del 1° febbraio, possano evitare la multa a condizione che, alla data del 15 giugno (giorno in cui l’obbligo è scaduto), abbiano fatto almeno una dose di vaccino. Per effetto della modifica la sanzione colpirà: soggetti che non hanno iniziato il ciclo vaccinale al 15 giugno (non più al 1° febbraio); soggetti che a decorrere dal 1° febbraio, dopo avere ricevuto la prima dose del vaccino (ciclo primario a due dosi) non abbiano effettuato la dose di completamento (seconda dose) al 15 giugno (neanche oltre i termini previsti con circolare del ministero della Salute); soggetti che dal 1° febbraio, dopo aver concluso il ciclo vaccinale primario al 15 giugno, non abbiano effettuato la dose di richiamo, successiva al ciclo vaccinale primario neanche oltre i termini di validità delle certificazioni verdi. Cambiano i tempi per la notifica di addebito che passano da 180 a 270 giorni. La procedura prevede che a multare gli inadempienti sia il Ministero della Salute con l’invio dell’elenco dei soggetti all’Agenzia delle Entrate-Riscossione per l’avvio delle comunicazioni del procedimento sanzionatorio. Chi riceve l’avviso ha dieci giorni di tempo per comunicare alla Asl eventuali certificati che attestino la condizione di esentati dall’obbligo. Se la Asl non conferma, l’Agenzia delle entrate trasmette entro 270 giorni (e non più 180) un avviso di addebito, con valore di titolo esecutivo. ln caso di opposizione alla sanzione è competente il Giudice di pace. Per coloro che hanno ricevuto l’avviso sanzionatorio (per inadempienza al 1 febbraio 2022), ma che risultino entro il 15 giugno 2022 vaccinati o esentati dalla vaccinazione anche se oltre i termini, il Ministero sta avviando le procedure per interrompere i procedimenti già inviati”.

__________________________________

Sul sito istituzionale dell’ASP di Agrigento, al link http://www.aspag.it/index.php/component/k2/item/5552-sanzione-pecuniaria-ai-soggetti-inadempienti-allobbligo-vaccinale-covid-19-novit%C3%A0-normative, è consultabile l’elenco contenente le sedi di ciascun ufficio, i giorni e gli orari d’apertura, le mail ed i recapiti telefonici di riferimento.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone