Sambuca di Sicilia, al via la nuova stagione del Teatro L’Idea

da | 19 Nov 21

Un cartellone ricco di prosa e musica. Tra i protagonisti: Gianfranco Jannuzzo, Galatea Ranzi, Barbara Tabita e Mario Incudine. Il Programma

Gianfranco Jannuzzo (Foto Salvatore Indelicato)

E’ la Sicilia, terra d’origine o fonte di ispirazione, la protagonista della prossima stagione 21-22 del Teatro Comunale L’Idea di Sambuca di Sicilia. Dopo la lunga pausa Covid e il cantiere di ristrutturazione, il teatro del Belìce riapre domani, 20 novembre.

“Abbiamo utilizzato i mesi forzati di inattività per rinnovare il teatro e siamo pronti ad accogliere il ritorno in sala”, dice  il presidente del teatro Costanza Amodeo.

ll debutto è affidato a due giovani talenti, Agnese Fallongo e Tiziano Caputo, diretti da Raffaele Latagliata in Fino alle stelle, scalata in musica lo Stivale, commedia musicale e romantica ambientata nella Sicilia degli anni ’50.

E ancora la Sicilia, con la sua bellezza ed i suoi orrori, è protagonista di Recital, di e con Gianfranco Jannuzzo che il 4 dicembre aprirà la ricca rassegna natalizia; si prosegue il 18 e 19 dicembre con Galatea Ranzi, Maria di Nazareth in In nome della madre (testo di Erri De Luca, produzione teatro Biondo) e a seguire il 28/29 dicembre con Mimì da Sud a sud, sulle note di Domenico Modugno, con Mario Incudine, Antonio Vasta, Manfredi Tumminello e Pino Ricosta, regia di Moni Ovadia.

La voce e il volto di Barbara Tabita, accompagnata da Fabio Lannino, Diego Spitaleri e Francesco Foresta junior, chiudono il 5/6 gennaio la rassegna natalizia con Apple Jazz, un viaggio emotivo e divertente nelle musiche dei capolavori di Walt Disney, adatto a grandi e piccoli.

Per la prima volta sul palco de L’Idea un grande attore italiano di origini mazzaresi, Rosario Lisma, porta in scena il 22/23 gennaio Giusto, monologo brillante scritto dall’attore in piena pandemia e prodotto dalla Fondazione Luzzati teatro della Tosse di Genova.

Il 5/6 febbraio è la volta di Spine, nuova produzione di Mana Chuma teatro, scritto e diretto da Massimo Barilla e Salvatore Arena e ispirato all’Otello di William Shakespeare, mentre il 19 e 20 febbraio il regista Salvo Dolce mette in scena un moderno Romeo e Giulietta nella produzione del teatro Libero di Palermo. Per la festa della donna (posticipata al 13 marzo), Didone Pop di Beatrice Monroy e Luana Rondinelli rivisita in chiave contemporanea la figura di Didone, eroina ribelle che rivendica dignità per tutte le donne, come il monologo pirotecnico di Stefania Blandeburgo in Soda caustica. O del punto di vista, in scena dal 26 al 27 febbraio.

La chiusura è affidata a due spettacoli cult di teatro contemporaneo: la giovanissima coppia artistica di Francesco d’Amore e Luciana Maniaci si esibisce il 16/17 aprile in Il nostro amore schifo, indagine sull’amore e la coppia vista dai giovani del nostro tempo e a seguire il 6/7 febbraio Geppetto e Geppetto, pluripremiato spettacolo sulle adozioni gay, scritto e diretto dal siciliano Tindaro Granata, nel cast dello spettacolo.

___________________________________

Abbonamenti e vendita on line su Live Ticket ( www.teatrolidea.com ) per i 12 spettacoli in cartellone o direttamente al botteghino. Ingresso gratuito ma su prenotazione (fino a esaurimento posti) per i due eventi di Teatro e società organizzati per il 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne (h.21) e il 17 dicembre (vigilia della giornata mondiale sull’emigrazione, h.21).

 

 

 

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone