“Sacrosanta la protesta degli studenti”

|




Il deputati regionali del M5S della V Commissione: “Abbiamo tradotto in emendamenti le loro proposte”.

“Il Disegno di legge dell’assessore Lagalla in materia di diritto allo studio è praticamente vuoto e non è stato concertato con nessuno. Noi abbiamo ascoltato le istanze degli studenti e tradotto in emendamenti le loro proposte, ma l’iniziativa del governo Musumeci è e rimarrà scadente. La protesta degli studenti è sacrosanta”.

E’ quanto dichiarano i deputati regionali del Movimento 5 Stelle Giovanni Di Caro, Roberta Schillaci, Nuccio Di Paola e Giampiero Trizzinob che hanno depositato diversi emendamenti in commissione Cultura Formazione Lavoro per migliorare il ddl governativo sul diritto allo studio.

“Gli studenti siciliani che scendono in piazza – sostengono i deputati del Cinque Stelle – lo fanno per cercare di far ascoltare i loro diritti al governo regionale. Noi abbiamo incontrato i rappresentanti dell’Unione degli studenti di Sicilia, comitati studenteschi, ricercatori e addetti ai lavori ed abbiamo tradotto le loro richieste in emendamenti già depositati alla Commissione di merito, incontri che continueremo a fare anche nelle prossime settimane. Vedremo adesso se Lagalla vorrà accogliere i nostri emendamenti, o altrimenti si assumerà la responsabilità di dilatare la frattura tra il governo regionale e il mondo della scuola. Di fatto, in ogni caso, condividiamo i dubbi degli studenti e daremo battaglia in V commissione perché il DDL regionale è praticamente privo di contenuti, mancano ad esempio interventi su edilizia scolastica o sulla mobilità studentesca. Sebbene sia il primo disegno di legge sul diritto allo studio per questa Regione, quello dell’assessore, dà soltanto delle linee guida e addirittura non spiega da dove reperiranno i fondi. Abbiamo presentato degli emendamenti  nella speranza di migliorarne la forma e la sostanza, ma di fatto – concludono i deputati regionali del M5S – condividiamo le preoccupazioni degli studenti perché quel disegno di legge rimane assolutamente vuoto”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *