Racalmuto, si presenta il “Cilio degli Emigrati”

da | 13 Lug 22

Oggi alle 20 sotto la scalinata della Chiesa del Monte la presentazione del progetto del nuovo Cero realizzato dallo scultore Giuseppe Agnello pronto per la festa del prossimo anno

Il cilio degli emigrati

Sarà presentato oggi alle 20 a Racalmuto, ai piedi della scalinata della Chiesa del Monte, il progetto del “Ciliu degli Emigrati Racalmutesi”. Un nuovo Cilio che si aggiunge ai tre già esistenti (Burgisi, Ugliara, Cicirara) dedicato a tutti gli emigrati di Racalmuto sparsi nel mondo.

Un’idea di Giancarlo Matteliano e dell’associazione “Vivi Racalmuto” nata da poco e sostenuta da molti che stanno contribuendo alla realizzazione del Cero che sfilerà il prossimo anno proprio durante i festeggiamenti in onore della compatrona del paese.

Sarà proprio Matteliano a raccontare come è nata l’iniziativa nel corso dell’incontro nel quale interverranno assieme a lui il sindaco Vincenzo Maniglia, l’arciprete Carmelo La Magra e Giuseppe Agnello, lo scultore racalmutese che ha realizzato il nuovo “Cilio”.

Alla presentazione del progetto, coordinata da Carmela Matteliano e Gigi Restivo, interverranno numerosi concittadini dall’estero collegati via streaming con esperienze, racconti, video e riflessioni.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone