Racalmuto, inizia il nuovo percorso della Chiesa

da | 28 Ott 21

Oggi l’immissione canonica di Don Carmelo La Magra. L’arcivescovo di Agrigento Alessandro Damiano presiederà il rito d’ingresso

Oggi alle 19, nella Chiesa Madre di Racalmuto, sarà celebrata la messa, presieduta dall’arcivescovo di Agrigento Mons. Alessandro Damiano, per l’immissione canonica del nuovo parroco Don Carmelo La Magra, che guiderà l’unità pastorale delle parrocchie Maria SS. Annunziata, Madonna del Carmelo e San Giuliano.

Un rito importante che segna l’inizio di un nuovo percorso della Chiesa racalmutese. E la data di oggi era stata stabilita ancor prima della morte del compianto arciprete Don Diego Martorana che aveva fatto in tempo a salutare la comunità, in attesa proprio della funzione religiosa di oggi.

Don Carmelo La Magra, ormai da settimane a Racalmuto, è originario di San Giovanni Gemini, dopo Favara è stato per cinque anni a Lampedusa, terra di frontiera a sud del sud, sempre accanto ai profughi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone