Racalmuto, il sindaco: “Leggo con stupore il vostro articolo”

di | 28 Mar 21

Replica del sindaco Vincenzo Maniglia all’articolo di Valeria Iannuzzo. ”L’Amministrazione Comunale che io presiedo ha considerato le zone Confine e Fico-Fontanelle sempre territorio di Racalmuto e sin dall’insediamento ha posto sempre attenzione a quelle zone”

Il sindaco di Racalmuto Vincenzo Maniglia

“Carissima Signora Valeria Iannuzzo, leggo con stupore il suo articolo su “Malgrado Tutto: Il paradosso di vivere realmente a Grotte, ma anagraficamente a Racalmutoe non comprendo da dove derivano tutte le accuse mosse nei confronti dell’Amministrazione Comunale di Racalmuto.

Le vorrei fare presente che l’Amministrazione Comunale che io presiedo, ha considerato le zone Confine e Fico-Fontanelle sempre territorio di Racalmuto e sin dall’insediamento ha posto sempre attenzione a quelle zone. Lo dimostrano:

  • – la nomina dell’Assessore Iacono, che ha svolto il suo mandato sino a Dicembre;

– l’avere rinnovatole fiducia avendola nominata consulente del Sindaco in rappresentanza delle zone citate;

– gli interventi di manutenzione sulle strade;

– gli interventi di manutenzione sul verde pubblico;

– la realizzazione della riuscitissima manifestazione estiva pre-covid;

– la localizzazione del mercato rionale;

– il prossimo intervento di metanizzazione di alcune contrade in fase di progettazione e realizzazione

– il servizio di spazzamento e lavaggio delle strade settimanale e tante altre cose che a Lei non hanno detto.

Tutto questo è alla luce del sole e nessuno può smentirlo tanto meno Lei.

Andiamo adesso al caso specifico. Premesso che siamo in piena pandemia con pericolo di vita e non si può fare demagogia e terrorismo politico su fatti così gravi, men che meno utilizzare i bambini e le scuole per i propri scopi, Le zone citate sono frequentate da cittadini che vivono a Racalmuto e che hanno attività lavorativa in c.da Confine. Ci sono inoltre studenti che frequentano le scuole del centro abitato di Racalmuto e ci sono centri rieducativi che mandano i ragazzi nelle scuole di Racalmuto. Quindi ci sono stretti contatti fra le aree che potrebbero alimentare la diffusione del virus, virus che non conosce limiti territoriali e dunque appartenenze locali.

Mi consenta infine di utilizzare parte delle sue parole per esplicitare meglio il mio pensiero:

“Il problema non sarebbe un problema” se in questo paradosso non ci fosse di mezzo un virus che in quest’ultimo periodo ha cambiato strategia ed è diventato estremamente contagioso;

“Il problema non sarebbe un problema” se chi è stato interpellato come garante del rispetto delle leggi avesse spiegato da subito che una eventuale Ordinanza Sindacale non può derogare le prescrizioni dell’Ordinanza Regionale se non per provvedimenti più restrittivi, E ANCHE SE FOSSE POSSIBILE;

“Il problema non sarebbe un problema” se in questo paradosso TUTTI gli abitanti delle zone Confine e Fico Fontanelle frequentassero esclusivamente, senza alcun contatto, il Comune di Grotte e non ci fosse nessuno che non avesse proprio nulla a che fare con Racalmuto, ma non è la realtà e nessuno può falsamente certificare il contrario.

Guardiamo avanti e non perdiamo di vista la salute dei Cittadini. Quelli di Racalmuto ma anche quelli di Grotte. Non se ne abbia a male”.

(Vincenzo Maniglia Sindaco Racalmuto)

I

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


Facebook