Quando la donna “nun putiva mancu scjatari”

da | 8 Mar 20

Racalmuto e la tradizione della rima irriverente. Le poesie di Giovanni Salvo

Giovanni Salvo

LU FADALI
_*_*_

Era lu tempu chi la donna

nun putiva mancu scjatari

Ne difennisi cu l’ugna

mancu arridiri e schirzari

Assuggittata a lu putiri

di lu masculu ‘nsulenti

Certu nenti putia diri

nun sintennusi giganti

Si parlava di dirittu

e si, si livava lu fadali!

Prestu a iddra vinia dittu

di spugliarisi di l’ali

Nun putennu riplicari

davanti a un paru di baffuna

Ne abortiri, mancu vutari

priva di sorti e di furtuna

Mancu mettiri a lu scjancu

travagliu cu maternita’

Lu salariu cu l’ammancu

senza liggi e parita’

Ma lu jornu chi cu lotta

misi manu a la vilanza

Forti la fimmina cu la zotta

a goloppu iddra avanza

La donna avia sulu un difettu

di nun strazzari lu fadali

Nun truvari l’arrizzettu

nun capiri quantu vali.

3 Commenti

  1. Calogero Bellavia

    Era lu tempu chi la donna/Era lu tempu chi la fimmina

    Rispondi
  2. gabriella

    ho chiesto se sia possibile avere la traduzione in italiano,ma non ho avuto nessuna risposta.
    Gabriella

    Rispondi
  3. Giovanni Salvo

    LU FADALI
    (Il Grembiule)
    _*_*_

    Era lu tempu chi la donna
    ERA IL TEMPO IN CUI LA DONNA
    nun putiva mancu scjatari
    NON POTEVA MANCO RESPIRARE (NON POTEVA ESPRIMERE IL SUO PARERE)

    Ne difennisi cu l’ugna
    NE DIFENDERSI CON LE UNGHIA
    (NE REAGIRE)
    mancu arridiri e schirzari
    NE RIDERE E NEANCHE SCHERZARE

    Assuggittata a lu putiri
    ASSOGGETTATA AL POTERE
    di lu masculu ‘nsulenti
    DELL’UOMO ARROGANTE

    Certu nenti putia diri
    CERTO NIENTE POTEVA DIRE ( NON ERA LIBERA DI ESPRIMERE IL SUO PARERE)
    nun sintennusi giganti
    NON SENTENDOSI GIGANTE (ALL’ALTEZZA)

    Si parlava di dirittu
    SE PARLAVA DI DIRITTI
    e si si livava lu fadali!
    E SE SI TOGLIEVA IL GREMBIULE (E SE SI RIBELLAVA ALL’ASSERVIMENTO)
    Prestu a iddra vinia dittu
    IMMEDIATAMENTE LE VENIVA DETTO
    di spugliarisi di l’ali
    DI DISFARSI DELLE ALI
    (DI RIDIMENSIONARSI)

    Nun putennu riplicari
    NON POTENDO CONTROBATTERE
    davanti a un paru di baffuna
    DAVANTI AD UN PAIO DI BAFFI FOLTI
    Ne abortiri, mancu vutari
    NE ABORTIRE E NE VOTARE
    priva di sorti e di furtuna
    SPROVVISTA DI SORTE E DI FORTUNA

    Mancu mettiri a lu scjancu
    MANCO METTERE A FIANCO
    (MANCO ACCOSTARE)
    travagliu cu maternita’
    LAVORO CON LA MATERNITA’
    Lu salariu cu l’ammancu
    IL SALARIO RIDOTTO
    senza liggi e parita’
    SENZA DIRITTI E PARITA’ (DI GENERE)

    Ma lu jornu chi cu lotta
    MA IL GIORNO CHE CON LA LOTTA (IL GIORNO CHE DECISE DI LOTTARE)
    misi manu a la vilanza
    MISE MANO ALLA BILANCIA
    (PERSEGUI’ L’UGUAGLIANZA)
    Forti la fimmina cu la zotta
    FORTE LA DONNA CON LA FRUSTA
    a goloppu iddra avanza
    A GALOPPO LEI AVANZA

    La donna avia sulu un difettu
    LA DONNA AVEVA SOLO UN DIFETTO
    di nun strazzari lu fadali
    DI NON STRAPPARE IL GREMBIULE
    Nun truvari l’arrizzettu
    NON TROVARE PACE (TRANQUILLITA’)
    nun capiri quantu vali.
    NON CAPIRE QUANTO VALE
    ( NON ESSERE COSCIENTE DEL PROPRIO VALORE)

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


  • Quel libro su Agrigento disperso e ritrovato
    HAMILTON IN LINEA La ristampa delle "Memorie storiche" di Giuseppe Picone era stato inviato ad Angelo Cino della Fratellanza Racalmutese di Hamilton. Ritrovato in un mercatino dell'usato, ora è tornato a casa […]

Facebook