Quando il sole si spegne. E vaghi come navicella senza meta

da | 12 Apr 22

Una croce. Una videopoesia di Raimondo Moncada il cui testo è stato ispirato dal crocifisso che si trova a Bologna nella chiesa di San Giovanni in Monte.

E vaghi come navicella senza meta

Una croce 

Nell’universo del tuo tempo 

ci sono momenti

in cui si spegne il sole. 

E vaghi 

come navicella senza meta 

e a motori spenti 

in uno spazio 

che si fa sempre più  nero

e che si riempie di vuoto. 

Ti muovi, cerchi, rifletti. 

E non arrivi a niente.

La ragione 

non trova una ragione. 

Si sente staccata, 

sospesa,

fuori dall’atomo del mondo.

Chi sta decidendo per me? 

Cosa mi attende? 

Dove sono diretto?

Un passo sbagliato 

e cadi 

e rimani a terra 

senza più la forza 

di affrontare il caos 

che ti raggiunge. 

Ti afferri agli affetti, 

ti affidi alla scienza dell’uomo. 

Vagando,

incontri una porta aperta 

e in lontananza 

scorgi una croce 

che scende dall’alto.

E ti avvicini,

senza più domande

alle quali non trovi una risposta. 

Ti fai largo, 

nel deserto di voci, 

tra luci 

che illuminano i tuoi passi. 

E sali, sali, sali

con i piedi affaticati,

in silenzio, 

ogni rumore svanito,

ogni parola inghiottita,

E ti fermi,

sotto la croce 

che sta lì, 

anche per te

senza parole

Guarda il video

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone