Quando il mandolino riesce a creare un’atmosfera magica

da | 19 Ott 20

Agrigento, il grande mandolinista Carlo Aonzo protagonista al circolo Empedocleo di una “bella e rara iniziativa”

I presenti sabato al Circolo Empedocle di Agrigento alla presentazione della lectio magistralis del grande maestro Carlo Aonzo sulla storia del mandolino, nella loro vita potranno raccontare ai loro figli noi c’eravamo. Lasciatemi iniziare così questa storia.

Qualcuno ha già scritto sui social una bella e rara iniziativa sulla Sicilia dal cuore antico… Ieri Carlo Aonzo ha vergato una pagina di musica straordinaria nella città di Agrigento. E’ entrato in scena quasi in punta di piedi e dopo aver sistemato i suoi attrezzi: mandolino e microfono, ha iniziato a raccontare lo strumento della sua vita, dalla nascita alle varie epoche storiche, ricordando gli inizi con suo padre, che l’ha avviato alla musica. Le sue mani accarezzavano il mandolino che ha fatto il giro del mondo e lo facevano vibrare in cielo, con una serie di sfumature e segreti da artista, lasciando tutti a bocca aperta e con il fiato sospeso. Dopo la colta presentazione di Antonio Zarcone – che ha organizzato questo incontro con il fine di rilanciare il mandolino nel mondo agrigentino, dove esiste una grande squadra di grandi appassionati di questo strumento – Carlo Aonzo ha intrattenuto il pubblico con suonate raffinate tratte dai grandi autori classici. Un mandolino raffinatissimo, come non l’avevamo mai sentito in tutti questi anni. Il colpo d’occhio era dato dalla esposizione di chitarre, mandole e 25 mandolini antichi e di pregio.

C’è stato lo spazio per le domande del pubblico, veramente intriganti. Gran finale i musicisti agrigentini Mimmo Pontillo, Giovanni Lo Brutto, Lorenzo Puma, Lillo Marino, Giuseppe Marino, Dario Mantese, Giuseppe Calabrese, Peppe Ballacchino che insieme a Carlo Aonzo hanno eseguito delle musiche di barberia.

Dopo molti anni i mandolini della fine dell’Ottocento hanno riavuto voce, ed hanno creato un’atmosfera magica in una giornata autunnale, riuscendo a fermare la pioggia. “Uno di questi mandolini – racconta Giovanni Lo Brutto –  era di proprietà del barone Agnello di Favara, che l’ ha regalato a mio padre, il barbiere Filippo Lo Brutto, che aveva il  suo salone in piazza Cavour, per farsi perdonare delle sue manchevolezze, un mandolino che ha una storia lunga 160 anni”.

Nelle foto di Angelo Pitrone  alcuni momenti dell’iniziativa

1 commento

  1. Calogero

    Emozionante

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone