“Potere al popolo” affida a due favaresi la scalata a Montecitorio e a Palazzo Madama

|




Capolista al Senato l’insegnante Carmela Marrone, alla Camera l’architetto Michelangelo Palermo, entrambi designati dal comitato “Favara per i beni comuni”.

Carmela Marrone

Dopo anni di lotte di classe, impegno sindacale nella Cgil, attivismo civico, Carmela Marrone, “pasionaria” insegnante di scuola primaria di Favara scende in campo in prima persona per un seggio al Senato, capolista per la Sicilia Occidentale nella lista “Potere al popolo”.  La Marrone è una delle fondatrici del comitato “Favara per i beni comuni”, associazione di cittadini tra le più attive nella cittadina chiaramontana negli ultimi anni, con tante battaglie portate avanti, tra le quali quelle in difesa dell’acqua pubblica, dell’ambiente, e della razionalizzazione dei tributi locali.

Negli ultimi anni Carmela Marrone è stata tra le poche cittadine a salire sui palchi nelle pubbliche piazze per incontrare la gente, durante le amministrative al fianco del candidato sindaco Antonio Palumbo, e alle regionali al fianco di Fabio Patti nella lista “Fava”.

“Mentre i politici di ruolo e di “peso” incontravano al chiuso di lussuosi hotel i propri sostenitori –ci dice Carmela Marrone- noi abbiamo preferito le campagne elettorali in mezzo alla gente, senza convetion ed effetti speciali ma con il contato del porta a porta, con i megafoni per strada, con i classici comizi. A dire alla gente come stanno le cose, mettendoci la faccia, senza timori di rappresentare gruppi indicati nelle vigilie come minoritari ma poi alle urne uscite con consensi corposi, come alle amministrative di Favara”.

Michelangelo Palermo

Con “Potere al popolo” uno dei punti principali della Marrone è quello di portare avanti sostanziali modifiche al sistema scolastico, che la cosiddetta “buona scuola” ha stravolto.

“Sono una operatrice del settore dell’istruzione e della conoscenza da tanti decenni e una sindacalista di base –ci dice Carmela Marrone- e chi meglio di noi conosce limiti e pregi del sistema scolastico. Non è possibile lasciare nelle mani di gente estranea alle dinamiche della formazione dei ragazzi il futuro della scuola italiana”.

Oltre alla Marrone, Potere al popolo punta anche su un altro attivista del comitato favarese, l’architetto Michelangelo Palermo, docente, operatore culturale, originario di Sommatino, ma da anni residente a Favara. Palermo è capolista alla Camera dei Deputati, al plurinominale, nel collegio Gela-Agrigento-Mazara del Vallo.

Sulla designazione alla camera e al Senato di Carmala Marrone e Michelangelo Palermo si registra una nota stampa del movimento “Favara per i beni comuni” dove viene espresso “orgoglio, soddisfazione e fierezza per i candidati scelti. Due stimati professionisti, che hanno sempre dato il massimo nel loro impegno politico, sindacale e sociale”.

 

 

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *