Palma di Montechiaro, in mostra al Palazzo Ducale l’arazzo di Raffaello

da | 14 Feb 22

Dal 21 aprile al 15 maggio. Fabrizio La Gaipa, Amministratore Distretto Valle dei Templi: “Un’occasione straordinaria per turisti e appassionati d’arte”

L’arazzo seicentesco “Ananias et Saphira”, nato dal cartone di Raffaello Sanzio

Il grande arazzo seicentesco “Ananias et Saphira”, nato dal cartone di Raffaello Sanzio e appartenente alla collezione privata del mecenate Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona, farà tappa in aprile a Palma di Montechiaro.

L’opera, che secondo gli studiosi, è riconducibile alle tessiture di Heinrich Mattens di Bruxelles degli anni 1620-1624, nasce da uno dei dieci cartoni che Raffaello realizzò su incarico di Papa Leone X per la Cappella Sistina. Sette sono esposti al Victoria & Albert Museum di Londra.

L’arazzo, dopo quattro mesi di esposizione al Palazzo Abatellis di Palermo, andrà in tour lungo un itinerario raffaellesco che tocca la Sicilia e la Calabria e dal 21 aprile al 15 maggio sarà in mostra a Palazzo Ducale a Palma di Montechiaro.

Fabrizio La Gaipa

“Ci siamo come Destination Management Organization – spiega l’amministratore del Distretto Turistico Valle dei Templi, Fabrizio La Gaipa – per sostenere validamente l’iniziativa, sia con la valorizzazione dell’evento, che con la promozione, per il fine della più ampia partecipazione da parte di cittadini e turisti, di appassionati d’arte e studiosi, che potranno ammirare l’arazzo in un luogo ricco di fascino, di bellezza e di storia. Come già avvenuto per altre iniziative inquadrabili in un rilancio turistico e culturale del territorio, anche questa di Palma di Montechiaro potrà coincidere con un programma complessivo, che prevede eventi di altissimo profilo e che ha la sua sintesi nella Biennale del Gattopardo”.

“È un’opportunità straordinaria  – aggiunge il sindaco di Palma di Montechiaro, Stefano Castellino – poter accogliere al Palazzo Ducale quest’opera che ci riporta all’epoca della fondazione di Palma, un periodo storico che legò indissolubilmente il suo nome alla famiglia Tomasi. L’esposizione dell’arazzo coinciderà con la Biennale del Gattopardo, promossa dal Gruppo di Lavoro “Io Sono Palma”, che con l’Istituzione Tomasi rappresenta un punto di riferimento per il rilancio turistico e culturale del territorio”.

Letizia Pace

“Considerata la peculiarità della realtà sociale e geografica della città di Palma di Montechiaro – spiega Letizia Pace, presidente dell’Istituzione Culturale “Giuseppe Tomasi di Lampedusa” – la nostra istituzione intende promuovere tutte le attività che avvicinino l’arte ai cittadini, spesso impossibilitati ad accedervi per ragioni di distanza. L’arazzo di Raffaello rappresenta l’evento inaugurale dell’ormai riconosciuta Istituzione Culturale; il primo di una numerosa serie di attività che conferiscono centralità a un tassello territoriale spesso considerato margine e periferia. Il palazzo Ducale, allora, si configura come centro propulsore di un rinascimento culturale ben radicato sul territorio. Un ringraziamento va al sindaco Castellino per la fiducia che ha riposto in noi, condividendo appieno i nostri obiettivi, e una speciale menzione alla generosità di Roberto Ruggi Bilotti d’Aragona per aver concesso il suo arazzo in esposizione al Palazzo Ducale”.

A curare il progetto itinerante che pone in relazione l’opera con i riferimenti raffaelleschi in Sicilia è la storica dell’Arte Evelina De Castro, direttrice di Palazzo Abatellis Galleria Regionale della Sicilia.

Un dettaglio dell’arazzo

L’opera è la rielaborazione dell’arazzo raffigurante la “Morte di Anania”, fulminato da San Pietro perché colpevole di non aver consegnato alla comunità cristiana tutto il denaro ricavato dalla vendita di un fondo.

 “Ananias et Saphira”, fino al 17 febbraio sarà esposto al Castello Ursino di Catania e, dopo la tappa di Palma di Montechiaro, raggiungerà Gerace, in Calabria.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone