Non era di Racalmuto, ma si innamorò del nostro paese. E’ morto Antonio Baldanza

di | 31 Ott 20

Presidente della Pro loco, negli anni ’80 fu appassionato promotore di innumerevoli e importanti eventi culturali

Antonio Baldanza, presidente della Pro loco di Racalmuto, durante la presentazione della mostra “Racalmuto ieri e oggi” (foto: Pietro Tulumello/Archivio Mt)

È morto all’età di 77 anni a Padova Antonio Baldanza. Presidente della Pro loco di Racalmuto negli anni ’80 fu promotore di innumerevoli iniziative che proiettarono la nostra piccola comunità alla ribalta nazionale.

Baldanza non era nativo di Racalmuto ma, iniziando a prestare servizio presso l’ufficio postale, si innamorò del nostro paese e con un’intraprendenza, a quei tempi sconosciuta, pose le basi per lo sviluppo culturale del paese, mettendo assieme i tanti cultori della storia e delle tradizioni locali come Salvatore Restivo, Giovanni Di Falco, Nicolò Macaluso e tanti altri in progetti che attirarono subito l’attenzione di Leonardo Sciascia, che divenne l’animatore ed il suggeritore discreto di quei momenti straordinari.

Si deve proprio a Baldanza l’organizzazione del convegno sull’amministrazione della giustizia in Italia, tenutosi nell’aprile del 1986, che anticipò il referendum nazionale sulla responsabilità civile dei magistrati, proposto dai radicali: iniziativa proposta da Sciascia dopo che proprio Baldanza gli raccontò la sua esperienza di giudice popolare in Corte di assise.

Generoso, instancabile organizzatore, aveva la peculiare capacità di mettere assieme le anime più diverse di Racalmuto, le opposte fazioni, i contrapposti partiti politici al fine di convogliare tutte le forze disponibili sullo sviluppo del paese.

La sua Pro loco, per oltre un decennio, fu la locomotiva oltre che di tante  iniziative culturali, anche di momenti aggregazione come “Un gioco per l’estate”, una kermesse sportiva a squadre sul modello di “Giochi senza frontiere”, che nel giro di pochi anni richiamò a Racalmuto l’attenzione della Sicilia intera. Aperto a tutti i suggerimenti, Baldanza, promuoveva il “Carnevale dei bambini” con lo stesso impegno con cui organizzava la “Mostra Antologica di Pietro D’Asaro” e altri grandi eventi culturali come le mostre fotografiche “Racalmuto ieri e oggi” e “Ritratti dei Racalmutesi dell’Ottocento”, e poi le tante iniziative rivolte al mondo della scuola di Racalmuto. Alla sua grande passione di promotore culturale si deve anche la ristampa del libro “Racalmuto, Memorie e Tradizioni” di Nicolò Tinebra Martorana.

Baldanza con Leonardo Sciascia nella sala del consiglio comunale di Racalmuto, 1982 (Foto: Pietro Tulumello/ Archivio Mt)

Coinvolgeva tutti senza distinzioni: il nostro giornale, le scuole, le radio private – ben tre negli anni ’80 -, le comunità dei nostri emigrati all’estero, gli amministratori locali, con un ritmo incessante. Le iniziative da lui promosse erano riuscite a dare a Racalmuto una spinta fondamentale, rendendola un punto di riferimento culturale della provincia di Agrigento e della Sicilia intera.

E sicuramente una delle più significative gratificazioni che Baldanza ebbe durante quegli anni arrivò da Leonardo Sciascia, che riconosceva alla “Pro loco di Racalmuto, guidata da Antonio Baldanza, il merito  di avere organizzato in un paese di provincia manifestazioni non esteriormente provinciali“.

_____________________________________

Alla moglie, ai figli e agli altri familiari le più sentite condoglianze del nostro giornale.

9 Commenti

  1. Avatar

    Apprendo con dolore la morte di Antonio, al quale mi legava un rapporto profondo. Lo scorso anno ci siamo visti a Padova e siamo stati insieme oltre un’ora a ricordare le tante iniziative da Lui organizzate ed i tanti amici in comune. Ogni tanto ci sentivamo, ultimamente non stava tanto Bene, ma lo spirito era quello di sempre.Quest’estate mi ha inviato, tramite w.a. ,una vecchia foto in cui eravamo insieme ad Egidio Terrana. Appena possibile credo vada organizzata un’iniziativa a Racalmuto per ricordarlo. Come ha scritto Gigi, Antonio ha avuto un ruolo importante nella rinascita culturale del nostro paese. Alla sig.ra Pina a Sandro e Mauro ed a Tutti i familiari, giunga il mio sentito cordoglio.
    Lillo Bongiorno.

    Rispondi
  2. Avatar

    Io sono il cognato Luigi un fratello più che un cognato gli ho voluto bene come si vuole bene un fratello non lo dimenticherò mai

    Rispondi
  3. Avatar

    Se non erro, è stato consigliere comunale.

    Rispondi
  4. Avatar

    Abitavamo nello stesso pianerottolo quando vivevo in Sicilia e c’era un vero rapporto di amicizia
    Poi sono andata via dalla Sicilia e ci siamo sentiti per un po telefonicamente. Ricordo il suo sorriso e la sua ironia
    Sono vicina ai suoi familiari con affetto.

    Rispondi
  5. Avatar

    Mio padre amava moltissimo Racalmuto.. negli ultimi tempi spesso mi diceva che il suo più grande rammarico è stato quello di essersene andato via .. ma purtroppo la vita ti porta a dover fare delle scelte dure e inaspettate .. è stato un uomo di profonda cultura .. immensamente caritatevole con tutti .. profondamente legato in primis alla sua famiglia, a cui teneva più di ogni altra cosa, e alle tradizioni .. legato soprattutto alla vita .. al piacere di stare assieme .. approfitto di questo momento per ringraziare tutto lo staff di “malgrado tutto “ per lo splendido articolo che è stato scritto per mio papà.. le parole dette lo rappresentano appieno .. attraverso questo articolo è ritornato a Racalmuto come lui desiderava … concludo riportando un pensiero a cui mio papa era molto legato e che ricordava spesso .. una frase che forse lo raffigura: “ Fai della tua vita un sogno e di un sogno una realtà“.. grazie ancora a tutti

    Rispondi
  6. Avatar

    Ho conosciuto Antonio tanti anni fa, una persona speciale. Era un piacere ascoltarlo quando raccontava della sua Sicilia. Ciao Antonio.

    Rispondi
  7. Avatar

    Antonio sei stato un grande amico una persona straordinaria, ha detto bene Gigi, senza il tuo entusiasmo non avremmo organizzato cosi tante iniziative culturali e sociali.Al sentire della notizia staseta con mia moglie ricordavamo una straordinaria cena nella tua campagna in contrada Fiumete. Alla famiglia giungano le più sentite condoglianze da parte mia e di Franca.

    Rispondi
  8. Avatar

    Se ne andata una persona speciiale. Come bene ha rappresentato Gigi, Antonio è stato un vero Animatore culturale e Sociale. Alla notizia, stasera con Franca riccordavamo una bella sera a cena “a li fiumeti”. Ti ricorderemo sempre come una persona straordinaria. Le nostre condoglianze alla famiglia. Lillo e Franca Sardo

    Rispondi
  9. Avatar

    Sentite condoglianze.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About Gigi Restivo

Gigi Restivo SPIGOLANDO IN ARCHIVIO di GIGI RESTIVO. Avvocato. Dagli scaffali di Malgrado Tutto, le foto, gli articoli, i ritagli di giornali divenuti pezzi introvabili.

Connect

View all Posts

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


Facebook