“Nessuno vuole cancellare la storia di Racalmuto, men che meno questa Amministrazione Comunale”

da | 3 Mag 22

Il sindaco di Racalmuto Vincenzo Maniglia interviene sulla rimozione del busto bronzeo di Gaspare Matrona dalla villa comunale: “Si sta creando un polverone sul nulla”

Il sindaco di Racalmuto Vincenzo Maniglia

“Nessuno vuole cancellare la storia di Racalmuto, men che meno questa Amministrazione Comunale”,

Così il sindaco di Racalmuto Vincenzo Maniglia sulla polemica che si è aperta in paese in seguito alla rimozione del busto bronzeo di Gaspare Matrona dalla villa comunale

“Si sta creando un polverone sul nulla – scrive il sindaco di Racalmuto in  una nota inviata al nostro giornale  – celando le reali motivazioni della critica, mistificando ad arte la realtà”.

“Tutti sappiamo – prosegue il sindaco Maniglia – del ruolo assunto nella storia di Racalmuto da Gaspare Matrona che con la sua grande generosità ha saputo arricchire ed impreziosire la nostra cittadina; il suo impegno per il Teatro comunale; dalla volontà di costruirlo financo al finanziamento dell’opera con propri fondi”.

“E’ questo il motivo per cui l’Amministrazione Comunale – sostiene il sindaco di Racalmuto – ha intenzione di dare maggiore risalto a questo nostro storico concittadino ed è per questo che si è scelto di collocare il mezzobusto dell’ex Sindaco Matrona nel luogo più simbolico, il suo Teatro Comunale, risaltandone la figura per tramandarla alle future generazioni, consentendo così a tutti i concittadini ed i turisti di apprezzarne il gesto e la generosità. In sintonia con quanto fatto finora, l’Amministrazione Comunale sta portando avanti – un progetto di rivalutazione del ruolo della città quale fulcro culturale, monumentale e storico in seno alla provincia di Agrigento e non solo.

“Racalmuto è una città turistica – sottolinea il sindaco – è ricca di storia, di monumenti, di importanti personaggi, di scrittori, di scultori, di artisti, di tenori, di musicisti e di intellettuali che con il loro impegno hanno dato e danno lustro alla città. I “social” se male utilizzati, le guerriglie politiche e i mal di pancia, al contrario, cercano di offuscarne la bellezza ed è per questo che tutti quelli che contrastano l’attività di governo della città spesso si buttano a capofitto (alcuni di loro nemmeno conoscono la figura di Gaspare Matrona e nemmeno gli interessa chi sia) nella bagarre per denigrare e osteggiare il cammino di rinnovamento verso la valorizzazione della città”.

“Con questo stesso spirito abbiamo appaltato i lavori di riqualificazione della Villa Gaspare Matrona che sarà arricchita con un nuovo arredo urbano, la collocazione della fontana ampliata da una nuova vasca circolare per alimentare i giochi d’acqua, con la sistemazione del verde, con la collocazione di panchine e per restituire ai cittadini – conclude il sindaco di Racalmuto – uno spazio accogliente nel quale trascorrere alcune ore della giornata in tranquillità”.

Leggi anche

“Uno schiaffo alla memoria di un sindaco illuminato”

 

Racalmuto, che fine farà Gaspare Matrona?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook