‘Ncruci e nuci

|




L’appuntamento del sabato con i versi di Giovanni Salvo

Giovanni Salvo

‘NCRUCI E NUCI

Nna vota si ‘ntrizzavanu cufina

a sti tempi si tessi la scrittura

L’abbilita’ di un’arti supraffina

discursa aggruvigliati di primura

Paroli ‘nturciuniati, vucchi santi

cu la raffia s’attacca l’onesta’

Panara ‘ntramati a funnu vacanti

canni di scjumi, ligna virdi e farsita’

Nirbatura aggrupata ‘ntra li righi

ramuzzi ammugliati ‘nni lu ‘nchiostru

Cavagni vacanti e ppi ricotta sulu ‘ntrighi

lu ‘ncruci e nuci di lu verbu vostru.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *