Montevago ricorda Lucia Crifasi, vittima dell’attentato alle Torri Gemelle

da | 10 Set 21

Domani, nel ventesimo anniversario dell’attentato, un annullo postale, una messa in suffragio delle vittime del terrorismo e  la deposizione di una corona davanti alla scultura “Torri Gemelle”

Montevago ricorderà domani con un annullo postale Lucia Crifasi, vittima  a New York, l’11 settembre del 2001, dell’attentato terroristico alle Torri Gemelle

Lucia Crifasi, di Montevago, abitava a Glendale e lavorava all’American express; aveva 51 anni quando l’11 settembre 2001 perse la vita al World trade center.

A Montevago c’è una piazza che porta il suo nome dove dal 2004 è presente una scultura ambientale firmata da Franco Panella, dedicata a Lucia Crifasi e a tutte le altre vittime dell’attentato; adesso a ricordare la sua figura anche un annullo postale, richiesto dal Comune, alle 10:30 nella biblioteca comunale. Poi, alle 11 nella chiesa Madre, una messa in suffragio delle vittime del terrorismo e alle 12 la deposizione di corona davanti alla scultura “Torri Gemelle”

“L’amministrazione comunale – si legge nell’invito del sindaco Margherita La Rocca -, nella ricorrenza del 20° anniversario dell’attentato alle Torri Gemelle  in cui perdeva la vita la nostra concittadina Lucia Crifasi, invita a partecipare alla commemorazione per tutte le vittime cadute negli attentati terroristici”.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone