Mimmo e quelle elezioni dell’86

da | 30 Dic 21

Mimmo Butera, il ricordo dell’avvocato Giuseppe Minio 

Mimmo Butera

Me la ricordo così.

Si sa, nelle liste elettorali è fondamentale albergare ai primi posti, anche se si tratta delle distrettuali scolastiche.

“Pè, secondo te è meglio che mi rechi ora in federazione o ti pare troppo presto”.

Eravamo ancora in autunno e le elezioni si sarebbero tenute molto più avanti, in primavera credo.

“Mì, vacci ora non si sa mai”, rispondo seduto all’ultimo banco che condividevo con lui e Tommaso.

Il giorno dopo mi racconta che in federazione gli avevano consigliato di ritornare più avanti, era troppo presto e, comunque, la lista sarebbe stata stilata seguendo l’ordine alfabetico e non quello di chi per primo avesse fatto richiesta di iscrizione.

Non ricordo esattamente se più per intento consolatorio o per intima convinzione, sostengo che, in fin dei conti, con il suo cognome non avrebbe avuto molto da temere.

Ed ancora, pur essendo agli antipodi dell’inquadrato uomo di partito, eravamo persuasi che la federazione avrebbe senz’altro rispettato le regole, omnia munda mundis.

La sera delle elezioni che Mimmo Butera vince con larghissimo distacco rispetto al numero uno della lista, per inciso uno studente il cui cognome iniziava per emme, i rappresentanti della federazione, contumaci nel corso di tutta la campagna elettorale, si sono presentati a scuola per raccogliere i frutti del successo conseguito da un brillante indipendente ragazzo di paese.

Mimmo, che nel frangente festeggiava con altri ragazzi di paese: Emilio, Gigi e me a pasticcini offerti dal preside, avvicinatosi ai rappresentanti della federazione li invita cordialmente all’improvvisato banchetto.

Cogliere e rappresentare fino in fondo il carattere di una persona, anche molto vicina, non è semplice. Ed allora il ricorso agli episodi può aiutare.

Ecco quando di Mimmo si dice che abbia vissuto da intellettuale onesto e libero, la mia mente, chissà perché, vola proprio alle distrettuali dell’86.

Ciao Mimmo

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone