Marika Crapanzano: ”Ho messo le mani sulla bellezza che va in scena”

|




La massaggiatrice di Favara racconta la sua esperienza professionale alla Mostra del Cinema di Venezia

Marika Crapanzano alla Mostra del Cinema di Venezia

Sabato sera si sono spenti i riflettori sulla 77ª edizione della Mostra del Cinema di Venezia, con l’assegnazione del Leone d’oro al film Nomadland di Chloé Zhao. Tanti i premi assegnati in un’anomala edizione al tempo del coronavirus, con registi e attori tirati a lucido come “protocollo” comanda ma con mascherine a nascondere purtroppo sorrisi ed espressioni. Tra i premiati anche un superlativo Pierfrancesco Favino, come miglior interpretazione in Padrenostro.

Ma cosa si nasconde dietro ad una importante rassegna cinematografica che vede coinvolti migliaia di persone? Non tutti salgono sul palco, non tutti ritirano i premi, non tutti sono ospiti di dirette televisive ma tutti i protagonisti, famosi e meno famosi, prima di varcare il prestigioso scenario sono sottoposti a trucco e parrucco.

E a Venezia, nel nutrito esercito di “importanti sconosciuti”, composto da tecnici di luci e suono, fonici, parrucchieri, estetisti, truccatori, ha fatto parte una ragazza di Favara, Marika Crapanzano, le cui mani hanno contribuito a tirare a lucido registi, attori, influencer.

Marika Crapanzano

Da Venezia, a kermesse terminata, Marika Crapanzano ci racconta a telefono la bellissima esperienza professionale vissuta. “Sono un’estetista ma ho deciso di specializzarmi nel massaggio, diventando quindi massaggiatrice con i titoli di operatore olistico, operatore sportivo, operatore terme e spa e operatore in massaggio professionale tramite la Diabasi, la più grande scuola professionale di massaggio riconosciuta in tutta Italia. Tramite questa prestigiosa scuola, sono stata selezionata tra i migliori massaggiatori provenienti da tutta Italia per essere a disposizione di tutti gli attori e ospiti presenti alla 77esima mostra internazionale del cinema di Venezia. E’ stata una esperienza che mi ha fatto crescere professionalmente tanto e che mi ha dato la possibilità di lavorare fianco a fianco con gente dello spettacolo che della cura del corpo e della bellezza fanno un connubio con l’arte”.

Marika Crapanzano ci ha raccontato il “dietro le quinte” di una rassegna mondiale, quest’anno andata in onda nonostante il covid-19. “E’ stata una edizione particolare – ci dice Marika – che ha vissuto dei protocolli sanitari e delle misure di contenimento: dispositivi di sicurezza, distanziamenti e mascherine”.

Ma il cinema e lo spettacolo non si sono voluti fermare, rimettendo in moto una macchina che ci fa vedere solo i volti noti, ma che coinvolge migliaia di addetti ai lavori che nel periodo della quarantena hanno dovuto vivere un momento di crisi occupazionale. Venezia dunque lancia messaggi di ottimismo soprattutto ai tanti giovani, come Marika, che hanno puntato su una professione che necessariamente vive sulle manifestazioni di bellezza, sul mondo dello spettacolo, sui grandi eventi. E così le mani di Marika Crapanzano hanno contribuito a rendere ancora più belli attori e attrici.

Marika Crapanzano con Selene Caramazza

Con chi ti sei interfacciata durante le tue prestazioni di massaggiatrice e cura del corpo?

“E’ stato un lavoro di squadra e a catena – ci racconta- che ci ha dato la possibilità di lavorare con tanta gente dello spettacolo. Tra questi le attrici Roberta Giarrusso, Mariana Falace e Valeria Fabrizi, le influencer Ludovica Pagani, Giulia De Lellis, Ludovica Valli, che è anche una nota modella, Catherine Poulain, modella internazionale, Federica Carta, cantante, Matt Dillon, attore e regista statunitense e tanti altri ancora”.

Ma uno speciale incontro a Venezia è targato “Favara”. Marika Crapanzano infatti si è incontrata dietro le quinte con l’attrice favarese Selene Caramazza. La giovane attrice protagonista nel cast di  “Paradise”, film  per la regia di Davide Del Degan.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *