L’omaggio di Agrigento al Maresciallo Giuliano Guazzelli

da | 5 Apr 22

Agrigento, ricordato nel trentesimo anniversario della morte il Maresciallo dei Carabinieri ucciso dalla mafia il 4 aprile del 1992. Il Generale Teo Luzi: “Possiamo considerare il maresciallo Guazzelli un martire”

“Possiamo considerare il maresciallo Giuliano Guazzelli un martire”. Sono parole del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Teo Luzi che ieri ha partecipato alla giornata dedicata ai trent’anni dall’uccisione del maresciallo dei carabinieri, ucciso il 4 aprile del ’92.

Una giornata densa di tanti appuntamenti culminati in serata con l’evento che si è svolto al teatro “Pirandello” alla presenza delle più altre cariche della provincia e della Regione, a partire dal presidente Nello Musumeci e dal comandante interregionale dei Carabinieri Generale Riccardo Galletta.

Sul palco, tra gli altri ospiti,  la Fanfara del 12° Reggimento Carabinieri “Sicilia”, diretta dal Maestro Luogotenente Paolo Mario Sena

Il Maresciallo Giuliano Guazzelli

Oltre alla Fanfara, una “conversazione a due voci – con il giornalista Felice Cavallaro e l’attore Mario Incudine – ha raccontato la figura di Guazzelli nel contesto siciliano e agrigentino, anche attraverso un “viaggio” nella terra di altri personaggi che, come Guazzelli, hanno saputo difendere la dignità della gente lottando sempre contro ogni crimine. Si è parlato quindi di Renato Candida, il comandante dei Carabinieri che negli anni ’50 ha scritto il libro “Questa mafia”, pubblicato grazie a Leonardo Sciascia, del giudice Rosario Livatino, del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa.

In prima fila, commosse, la moglie e la figlia di Guazzelli, che  che nel corso della mattinata, con tutte le autorità,  hanno partecipato alla messa in Cattedrale, celebrata dall’arcivescovo monsignor Alessandro Damiano e alla deposizione della corona di alloro nel luogo dell’uccisione.

Un evento fortemente voluto dal colonnello Vittorio Stingo, comandante provinciale dei Carabinieri, realizzato in collaborazione con la “Strada degli scrittori”, ospiti della Fondazione Teatro Pirandello.

GUARDA LE FOTO

di Gioacchino Schicchi-Strada degli Scrittori

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone