Commenti recenti

Liceo Empedocle Agrigento, le “interviste impossibili” degli studenti della Seconda D

|




Alessandra Arrigo incontra Amy Winehouse

Alessandra Arrigo

Mi trovo davanti l’appartamento londinese, il numero 30 di Camden Square, della meravigliosa cantautrice Amy Winehouse, che ha accettato di incontrarmi e rilasciarmi una intervista.

Bella e dannata, cantautrice esuberante e dal carattere eccentrico; ha rivoluzionato un decennio musicale, scalando le cime delle classifiche mondiali, ottenendo un magnifico successo con i suoi brani di un’originalità mai vista. Come valuta il suo successo?

Indubbiamente è un successo pazzesco che non può passare inosservato, ho raggiunto molte cime e sono strafelice dei miei traguardi, ma scommetto che se avessi avuto più tempo a disposizione avrei sicuramente potuto fare di meglio. Chissà, probabilmente adesso sarei più famosa di tutti quei rapper che si sentono in giro e che minimizzano la musica ad uno strumento di dissing per gli altri artisti come se fosse un’arma. Dovrebbe esserci qualcuno ad insegnare loro quale sia la vera importanza della musica.

Cosa intende con “se avessi avuto più tempo a disposizione”?

Beh, la mia morte precoce ha troncato la mia carriera mentre stava ber sbocciare. Potrei dire che la morte mi ha strappata dal successo, ma siamo sicuri che non sia stata anche lei a contribuire alla mia fama? D’altronde fece parecchio scalpore per tutto il 2011, sembrava che nessuno se lo aspettasse come se fosse una situazione surreale.

Amy Vinehouse (foto da internet)

In tema di morte potremmo tirare in ballo l’argomento “Club dei 27”: è solo leggenda o verità?

Ahahah (risata della cantautrice). Il famigerato Club dei 27. Ruotano tante storielle false su questo club e pochissime vere. È evidente che questa leggenda riguardi parecchie figure di rilievo morte all’età di 27 anni ma è davvero impossibile che ciò dipenda da un patto stipulato con il diavolo in persona per ottenere successo in vita in cambio della propria anima alla morte… non siamo in una serie tv e questo ti assicuro che è molto lontano dalla realtà. Il successo che ho avuto l’ho ottenuto da sola con i miei sforzi, è stato molto difficile ed proprio è questo che mi ha condotto all’estremo.

Uno dei suoi pezzi più importanti è “Back to black”, estratto dall’omonimo album pubblicato nel 2006 dalla “Island Records”. Perché la decisione di intitolare il brano proprio “Tornerò in lutto?”

Questo brano parla di una storia d’amore, tanto bella quanto complicata. Potrei dire che questa vicenda amorosa sia proprio quella che vede protagonisti me e Blake-Fielder Civil. La canzone dice che avrei portato il lutto se il mio uomo mi avesse abbandonata per tornare insieme ad un’altra donna: e così è stato! Il “lutto” di cui parlo è la consapevolezza di aver perso per sempre l’uomo della mia vita.

Può dirmi qualcosa riguardante i suoi tatuaggi? Che importanza hanno nella sua vita?

I miei tatuaggi fanno parte di me. Hanno un’importanza fondamentale perché averli addosso mi fa sentire più al sicuro di quanto io non sia con le mie guardie del corpo. In tutto sono 14 ma indubbiamente i miei preferiti sono il fulmine sull’avambraccio perché è il simbolo di un disastro naturale, un po’ come me; Cynthia, la mia amatissima nonnina tatuata sul braccio destro; la piuma dei nativi americani perché simboleggia il coraggio. Quello che odio di più è il nome del mio ex tatuato sul cuore.

Amy, pensandoci bene, se ne avesse l’opportunità, cambierebbe qualcosa della sua vita?

Sarebbe bello poter vivere una vita diversa in un altro mondo per vedere quali altre cose avrei potuto fare dei miei anni, ma effettivamente non cambierei nulla. Diciamocela tutta, sono rimasta nella storia.

Gli Studenti della Seconda D del Liceo “Empedocle” di Agrigento con i professori Anna Maria Di Nolfo e Michele Gaglio

Liceo Classico “Empedocle” Agrigento

Dirigente scolastico Anna Maria Sermenghi

Anno scolastico 2019 – 2020

“Percorsi per le competenze trasversali per l’orientamento”

Laboratorio di Giornalismo Web a cura di Malgrado tutto

Coordinatori Progetto,

Docenti

Annamaria Di Nolfo, Michele Gaglio

Gli studenti della Seconda D 

Alessandra ArrigoFrancesca BoscoGiovanni Antonio Maria Bruccoleri, Greta Maria Luigia Butticè, Mattia Ciaccio, Fabiana Cucchiara, Sabrina D’Alcantara, Teresa D’Alcantara, Emma D’Aleo, Claudia Forte, Nilde Gagliano, Alessia Graceffa, Paola Gueli, Enrica Lattuca, Doriana Mariapia Lupo, Gaia Marotta, Simone Maria Mazzola, Nelide Milioto, Sofia Morreale, Giuliana Salamone, Aurora Virone.

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *