L’appartenenza

da | 16 Gen 22

Il racconto della domenica

Bia Cusumano

L’ Amore non si spiega.

Ora so perché i nostri occhi s’incontrarono in una notte di fine estate, mentre la tramontana sferzava i nostri cuori caldi di scirocco e mare. Custodivi il segreto della bellezza dentro i tuoi occhi cerulei che guardavano distratti i miei, allora perfettamente sconosciuti. Ma il tuo sorriso come sentiero preannunciò fin da allora che i mei passi sarebbero giunti dentro la tua vita. Fu tacita promessa del Cielo. Ora so che il tuo segreto è anche il mio. Non si è madri per parto, per grembo che gravido crea al mondo nuova vita. Si è madri per desiderio e scelta. Radicale è l’appartenenza, richiede l’esclusività del coraggio e delle rinunce.

Ricordo ancora le tue parole delicate mentre presentavi Catena, con il piglio sicuro di chi il mestiere lo sa fare bene. Giornalista dal cuore d’oceano. Il tuo Dono viene da lontano. Mi colpì la grazia delle tue parole, i tuoi capelli scomposti dal vento che dentro il chiostro ondeggiavano sul tuo viso così etereo.

Portai a casa quella notte una dolcezza strana perché mi giunse dentro la tua voce, quella di Ethan. Ho deciso di raccontare la tua storia come solo una donna che conosce l’amore non siglato dal DNA ma dalla scelta dell’appartenenza, può fare.

Così da scrittrice mi sono avvicinata timida ai tuoi giorni e tu mi hai aperto il cuore con la gioia autentica di chi sa condividere la bellezza e il dolore. Mi dicesti: “Per me è normale. Quello che faccio è la mia vita. Non ha nulla di speciale. Ho solo scelto di dare ad Ethan una famiglia, l’ho cresciuto da quando era un ragazzino come fosse mio figlio, io che figli non ho avuto nella vita. Lui è la mia famiglia ed io sono la sua. Ho deciso di proteggerlo e di prendermene cura. Ora è un giovane uomo e lui viene prima di ogni cosa per me. Per lui ho rinunciato a tanto, purché possa essere felice”.

Ora dimmi, amica, spiegami tu cosa sia l’Amore, tu che lo vivi ogni giorno con la passione e la tenacia di una storia straordinaria. Perché la tua è una storia straordinaria. No, non è normale, mia dolce amica. Spiegami cosa sia accogliere una creatura fragile e sola al mondo, debole ed indifesa, decidere di esserne “Casa”. Dimmi se l’amore abbia a che fare con le consonanti di un cognome, di mura dentro cui si abita per mero destino o finanche per sbaglio. O sia piuttosto questo scegliersi ed appartenersi senza alcun vincolo di sangue e parentela. Dimmi quanto grande è il tuo amore di madre, tu che hai scelto di esserlo con tutta te stessa, liberamente con generosità tenace.

Un amore intessuto di interminabili viaggi, sacrifici, rinunce, attese, lungaggini burocratiche. Dimmi se appartenere non è questo sentire di essere una cosa sola al mondo, dalla stessa parte fino alla fine. Rinunciare alle tue gioie legittime, ai tuoi legittimi desideri di giovane e bella donna e donarti senza riserve e misure a questo piccolo bimbo, venuto da Oltre-Oceano. Ho ascoltato la tua storia nel giorno più bello dell’anno, il primo che sigla un nuovo inizio in questo nostro destino comune. Amare per scelta, per appartenenza assoluta, una Itaca lontana che non si spiega. Scegliere di essere casa, senza paura, senza rinvii, senza misura. Con la fatica e il sudore di chi è madre non per natura biologica ma per anima.

Allora forse lì i figli si concepiscono prima che nel ventre; nella testa, nel cuore, nel pensiero, nel desiderio di amare un altro essere umano più di se stessi e di essere porto e faro, rotta e destinazione. La tua storia mi riconduce ad una sola parola: Appartenenza. Va contro ogni legge della ragione, del ben sentire o pensare borghese, delle logiche burocratiche, delle scelte comode o dei limbi facili ma infelici. E’ la via stretta, quella non battuta, quella del coraggio e dell’esclusiva. Mi hai salvato con la tua bellezza di cuore in un anno della mia vita in cui continuo ad invocare qualcosa che non accade, qualcosa che non sa costruirsi per troppe estenuanti paure. No, per essere belle persone occorre tradire l’opportunismo e la viltà dei luoghi comuni, sovvertire il mondo. Compiere scelte radicali. Rischiare perfino di restare soli, perché il mondo consuma e brucia in fretta le chimere e le sue false sirene. Ma ciò che veramente conta, resta.

Dentro le ossa, sotto la pelle, scorre nelle vene e si chiama Amore, si chiama Appartenenza e pretende l’esclusiva. Sei madre più tu di chi può fregiarsi di questo ruolo biologico ma poi nulla sa della propria creatura perché tu hai scelto non per caso, non per dovere ma solo per Amore. Grazie per avermi ricondotto ai miei ideali, ai miei principi, a chi sono veramente come donna e madre di una figlia lontana, perché la tua bellezza salva anche la mia vita, non solo quella di Ethan. Salva chi vuole salvarsi perché sa che l’Amore non si spiega. Radica alla verità e no, da lì non si torna mai più indietro.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone