La Strada degli Scrittori ricorda Lucio Tasca

da | 25 Lug 22

Il direttore Felice Cavallaro: “Un grande imprenditore che la Sicilia dovrà sempre ricordare come modello di un riscatto possibile”

Se ne va Lucio Tasca, un amico, un galantuomo colto ed elegante, un grande imprenditore, un Signore del vino che la Sicilia dovrà sempre ricordare come modello di un riscatto possibile, promotore e sostenitore dei progetti di sviluppo economico e culturale.

Ricordiamo la lezione del figlio Alberto al Master di scrittura della Strada degli scrittori e di Treccani, due settimane fa ad Agrigento, e i messaggi incrociati con il Conte Tasca, fiero delle capacità dei suoi figlioli che con i nipoti costituiscono l’ossatura di un’azienda impegnata a irrobustire la produzione vitivinicola, i rami legati al turismo, la valorizzazione di splendidi tesori come la tenuta di Regaleali, la storica sede di Villa Tasca a Palermo, il resort di Capo Faro a Salina, le cantine e i vigneti dell’Etna.

Pezzi di storia economica da esaltare insieme con il nome del fondatore di una grande impresa che se ne va dopo l’altro compianto Signore del vino, Diego Planeta, altro caposaldo nel rilancio del settore. Due siciliani da non dimenticare per offrire corretti modelli di sana imprenditoria ai giovani impegnati nel riscatto dell’isola, come i figli di Lucio Tasca che oggi, come tutti, piangono un siciliano apprezzato in tutto il mondo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone