“La Sicilia non può più aspettare”

|




Il rapporto annuale 2018 della Banca d’Italia sulla Sicilia fa registrare un rallentamento dell’economia dell’Isola. Il commento di Vittoria Messina, presidente di Confesercenti

Vittorio Messina, Presidente Confesercenti Sicilia

“Il rapporto annuale della Banca d’Italia sulla Sicilia nel 2018 diffuso oggi, fa registrare un rallentamento dell’economia dell’Isola, in un quadro più generale di indebolimento della fase ciclica che ha caratterizzato soprattutto la seconda parte dell’anno. Tutti gli indicatori contenuti nel rapporto consegnano un quadro molto critico della situazione per quanto riguarda la possibilità di Intraprendere un cammino di crescita”.

E’ quanto commenta in una nota il presidente di Confesercenti Sicilia Vittorio Messina.

“L’autorevolezza della fonte  – aggiunge Messina – impone una seria riflessione sulle modalità per affrontare una crisi che da troppo tempo sta determinando condizioni di sfiducia, sia per le imprese che per le famiglie, una condizione  che mina ulteriormente quei timidi segnali che pure. non mancano da parte di chi crede nel riscatto dell’isola. La Sicilia non può più aspettare l’avvio di un nuovo corso che metta a valore le sinergie tra pubblico e privato in un quadro strategico dove ognuno faccia la sua parte e si assuma le responsabilità che gli competono. Lo dobbiamo ai tanti imprenditori che continuano a resistere e ad investire e ai tanti giovani che ancora sperano di potere trovare un futuro senza dovere abbandonare la loro terra d’origine”.

“E’ arrivato il momento – conclude il presidente di confesercenti Sicilia – di stipulare un patto tra Governo regionale, forze sociali e associazioni di categoria per trovare insieme le coordinate di un piano di sviluppo che consenta di superare il gap che ci allontana dal resto del Paese”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *