Quando la musica classica entra a scuola

|




Palma di Montechiaro, premiato dal successo l’esperimento didattico dell’Istituto “Cangiamila”.

Maricla Cacciatore

Nell’era del rap, della musica che ti bombarda i cervelli, dei ritmi sfrenati non è facile avvicinare i ragazzi dai 10 ai 13 anni alla musica classica. A molti può sembrare un accostamento utopico, una proposta didattica ambiziosa, un progetto non realizzabile.

A Palma di Montechiaro, invece, l’esperimento didattico e musicale è andato a buon fine e già i risultati sono evidenti. Gli alunni dell’Istituto comprensivo “Cangiamila”, oltre ad imparare a suonare tanti strumenti musicali, pianoforte, chitarre, strumenti a fiato e a percussione, hanno anche imparato ad ascoltare  i concerti dal vivo con l’approccio giusto, con attenzione e soprattutto partecipazione. E l’ennesima dimostrazione è stata data nel corso del quarto appuntamento con la stagione concertistica 2016/2017 “Il Cangiamila incontra la classica”, rassegna voluta dal dirigente scolastico Eugenio D’Orsi e dall’intero collegio dei docenti e coordinata dalla docente di strumento musicale Domenica Mastronardo.

Sul palco dell’auditorium del plesso centrale è stata la volta della pianista Maricla Cacciatore, un curriculum  professionale di oltre venti anni di brillante attività artistica, docente della stessa scuola che ha deliziato la platea con una selezionata scaletta di musica d’autore. Da Chopin e Brhams, da Nino Rota ad Ennio Morricone, da Ray Charles a Henry Mancini è stato un crescendo di emozioni. Alunni e docenti sono stati accompagnati dalla musica di Maricla Cacciatore in un viaggio dal romanticismo al lirismo alla musica romantica del cinema d’autore. Ed alla fine, ma ormai non è più notizia per la Cangiamila, alunni in piedi a tributare alla propria prof una vera e propria standing ovation.

La rassegna ha in cartellone altri due eventi musicali, ad aprile e a maggio. Sempre a maggio l’istituto diretto da Eugenio D’Orsi vivrà un importante gemellaggio musicale con un istituto di Taormina. Alunni che scambieranno le proprie esperienze in un doppio appuntamento che avrà luogo sia nella terra del Gattopardo che nella incantevole Taormina. Musica d’ensalble e conoscenza dei territori, con l’abbinamento vincente di note e monumenti per far vivere ai ragazzi un momento di crescita e di maturazione, oltre le aule della scuola.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *