“In questa casa si sente la presenza di Sciascia”

|




L’ex presidente del Senato Pietro Grasso a Racalmuto per visitare la “Casa delle zie” di Sciascia. Presente anche la scrittrice Giuseppina Torregrossa: “Aveva un grande talento quando già viveva in questa casa”. Grasso e Torregrossa hanno partecipato come docenti al Master di scrittura della “Strada degli scrittori” e della Treccani che si concluderà il 10 settembre. GUARDA LA FOTOGALLERY di Angelo Pitrone

Pietro Grasso con il direttore di “Malgrado tutto” Egidio Terrana

Un magistrato e una scrittrice a Casa Sciascia. L’ex presidente del Senato Pietro Grasso, docente al Master di scrittura della “Strada degli scrittori” che si sta svolgendo al teatro Pirandello di Agrigento, ha voluto visitare ieri la “Casa delle zie” di Leonardo Sciascia. Grasso, tornato a Racalmuto dopo sei anni, è rimasto particolarmente colpito dal luogo: “Una grande emozione, una grande commozione perché la mia formazione culturale è nata con Sciascia. E rivivere questi luoghi è veramente qualcosa di eccezionale. Invito tutti a ripercorrere questa visita in maniera tale da sentire la presenza di Leonardo Sciascia”.

La scrittrice Giuseppina Torregrossa con Pippo Di Falco

Il senatore Grasso si è soffermato naturalmente sulle prime edizioni dei libri di Sciascia e sui libri di Renato Candida, il capitano dei carabinieri diventato modello di Bellodi per Il giorno della civetta, che tra l’altro ha frequentato la casa della famiglia Sciascia alla fine degli anni ’50. Assieme all’ex presidente del Senato la scrittrice Giuseppina Torregrossa e all’imprenditore Arturo Morettino, accompagnati da Pippo Di Falco, il mecenate che l’anno scorso ha aperto le porte della casa dove ha vissuto l’infanzia e la giovinezza il Maestro di Regalpetra, e dal giornalista Felice Cavallaro, direttore dell’associazione “Strada degli scrittori”: “In questa casa – ha detto la scrittrice – di Sciascia si capisce una cosa importante: non poteva che diventare un grande intellettuale, perché in una atmosfera di questo genere, in una casa paesana come molte ce ne sono in Sicilia., è venuta fuori la grande intelligenza di quest’uomo. Lui doveva per forza far qualcosa, non poteva rimanere confinato in questo luogo. Voleva diventare il gigante che è diventato. Aveva un grande talento già quando viveva qui. Questa grande intelligenza in questo luogo scopre la sua grandezza. Ha attinto alle proprie risorse qui, ed è forse questa la suggestione che offrono queste stanze”.

Per l’occasione, i due illustri ospiti hanno ricevuto dal direttore del nostro giornale Egidio Terrana, copie del numero speciale di Malgrado tutto realizzato per i quarant’anni di vita del giornale.

GUARDA LE FOTO di ANGELO PITRONE

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *