Il “Valzer di un giorno”. Quando le foto raccontano sentimenti universali

di | 22 Ott 21

Al Museo Diocesano di Caltanissetta la mostra fotografica di Franco Carlisi. 41 scatti, sapientemente selezionati tra i 150 raccolti nel suo libro

Franco Carlisi

“Il valzer di un giorno”, la mostra fotografica di immagini in bianco e nero, di Franco Carlisi, fa tappa a Caltanissetta, ospite nelle sale del Museo Diocesano “Giovanni Speciale” del Seminario Vescovile.

41 scatti, sapientemente selezionati tra i 150 raccolti nel suo libro, raccontano per immagini il giorno delle nozze, le nozze viste e vissute in una Sicilia nascosta, periferica, intima. Sono nozze pregne di sentimenti forti di “un giorno che si vorrebbe non finisse mai”. Quelle di Franco Carlisi sono foto non pensate per entrare a far parte dell’album ufficiale separate da fogli di carta velina, ma per raccontare con sguardo a volte poetico, a volte ironico e disincantato, emozioni e sentimenti non detti, intimi, vissuti nel giorno del matrimonio, un ‘rito di passaggio’ della vita dell’uomo da sempre celebrato anche nell’arte.

Dalla mostra fotografica di Franco Carlisi “Il valzer di un giorno”

Del rito, “l’occhio di Franco Carlisi – scrive Andrea Camilleri – coglie continuamente dei “fuori campo” e ce li restituisce, direi proprio da narratore, con straordinaria vivezza e intensità. Le foto matrimoniali di solito anelano all’evanescenza, alla leggerezza, alla purezza, alla solennità. Invece, attraverso lo sguardo di Carlisi, tutto diventa carnale, vissuto forte, reale, senza mezze tinte”.

Gli scatti di Carlisi sono arte e per questo vengono umilmente accostati alle opere sacre custodite nelle sale del museo diocesano. Una mistura tra sacro e profano che segue una linea immaginaria che celebra l’amore.

Ed è l’amore il leitmotiv che unisce gli scatti di Carlisi alle opere sacre. L’amore celebrato con un valzer, eseguito attraverso la ripetizione di tre semplici movimenti. L’immagine che ci restituisce è quella di due corpi, due persone distinte, che pur nella distanza vivono la prossimità. Si tratta di due corpi che muovendosi in maniera armonica, tendono ad essere un corpo solo, seguendo il ritmo dell’amore. I tre movimenti che lo compongono lo accostano ad una dimensione trinitaria, come il matrimonio, ci si sposa in tre “lui, lei e Dio”. L’amore così raffigurato, profondamente umano e profano è il dirsi di Dio nella storia, è Dio che si dice attraverso due persone che si amano.

Dalla mostra fotografica di Franco Carlisi “Il valzer di un giorno”

Ecco nelle sale del Museo Diocesano viene rappresentato l’amore, un amore fatto di tre semplici movimenti che tutti quanti possiamo imparare per danzare la vita al ritmo dell’amore.

La mostra inaugurata lo scorso lunedì 18 ottobre alla presenza del Vescovo, Mons. Mario Russotto,  sarà visitabile fino al 22 novembre.

Guarda il video con le interviste di Valeria Iannuzzo

Riprese Salvatore Cufaro, montaggio Giacomo Fattori

1 commento

  1. Francesco Daina

    Una mostra da non perdere assolutamente. Chi, come me, l’ha già visitata, ritrova in questo articolo di Valeria Iannuzzo tutti i motivi per cui val la pena di dedicare del tempo alla visione delle magnifiche opere di Franco Carlisi in un contesto, quello del Museo Diocesano di Caltanissetta, davvero inconsueto ed allo stesso tempo stimolante

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About Valeria Iannuzzo

Storie dei nostri giorni di Valeria Iannuzzo. Giornalista e docente. Segmenti di vita che meritano di essere raccontati.

Connect

View all Posts

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


  • “Istruire le nuove generazioni per una società multietnica”
    HAMILTON IN LINEA Si conclude con quest'articolo il racconto della vicenda legata alle ingiustizie subite dagli Italo-Canadesi durante la seconda guerra mondiale. Le scuse del Governo Italiano e i ringraziamenti delle famiglie di chi ha vissuto l'incubo della reclusione. La storia di Giovanni Travale e Vincenzo Lo Cicero […]

Facebook